Varese

Giannantoni (FdS): non promesse, ma la memoria

Da sinistra, Scardeoni, Giannantoni e Pitarresi

“Non ho strade da presentare, giardinetti da offrire, piazze da proporre. Non ho grandi progetti da lanciare. Però ho un piccolo diamante da regalare: il dono della memoria”. Così si presenta ai varesini che passano al banchetto della Federazione della Sinistra, Franco Giannantoni, storico del fascismo, giornalista e ora curatore della ripubblicazione delle opere di un grande varesino, Guglielmo Mozzoni, per le edizioni Arterigere (è reduce da una presentazione di successo al Museo del Risorgimento di Milano). Condivide le sue riflessioni, Giannantoni, e legge una poesia del poeta Giorgio Caproni. 

Giannantoni si trova al banchetto allestito in piazza Monte Grappa insieme al candidato sindaco Carlo Scardeoni e al capolista Pippo Pitarresi. Lo storico varesino presenta ad elettori e simpatizzanti l’ultimo volumetto realizzato per Arterigere, “Varese, i luoghi della memoria”, che rimarca il valore della consapevolezza del passato. “Siamo in una città che dimentica, che non apprezza la ricostruzione di ciò che è accaduto. Ma resta fondamentale ricordare ciò che è stato”.

6 maggio 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi