Varese

Animali da circo, il Pdl Angelini condivide allarme Lav

“Una regolamentazione a livello comunale che tuteli i diritti degli animali utilizzati dai circhi come peraltro già previsto dalla legge”. Enrico Angelini (Pdl), assessore alla promozione del territorio del Comune di Varese, prende posizione sulle proposte avanzate dalla Lav varesina riguardo le condizioni di vita degli animali da circo.

“La commissione consiliare competente ha già deliberato – sottolinea Angelini – sosterrò a livello politico il passaggio in consiglio comunale del provvedimento per arrivare ad un trattamento più rispettoso degli animali nei circhi che vengono a Varese a fare i loro spettacoli”.

Una legge nazionale a tutela degli animali è già in vigore da qualche anno. “Si tratta di verificarne la reale e concreta applicazione anche sul territorio comunale di Varese prima che i circhi mettano giù le tende; in questo senso la proposta della Lav varesina è senz’latro condivisibile” ribadisce l’Assessore. Non limitarsi alle enunciazioni di principio ma scendere nel concreto, questo l’obiettivo di Enrico Angelini.

“Appoggerò politicamente il passaggio del provvedimento dalla commissione al consiglio comunale – garantisce l’Assessore – valutando nel merito le proposte della Lav di Varese per vedere quali interventi l’amministrazione comunale può mettere in campo per tutelare i diritti degli animali utilizzati nei circhi”.

La Lav varesina chiede di “adottare forti restrizioni anche in riferimento a quanto indicato dal ministero dell’ambiente”. “Un circo di medie dimensioni – spiega la Lav di Varese – può arrivare ad avere tra i 120 e i 150 animali tra tigri, elefanti, cavalli, dromedari, ma anche rettili, cani, grossi bovini e addirittura pinguini; tutti costretti a vivere in spazi molto ristretti o tenuti alla catena. Altri fattori di sofferenza per gli animali sono le tecniche di addestramento e i continui spostamenti”.

4 maggio 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi