Varese

Elezioni di Varese, Cattaneo dà le pagelle ai candidati

Un momento dell'appuntamento al Miv

L’assessore a Infrastrutture e Mobilità della Regione Lombardia, il varesino Raffaele Cattaneo, interviene nella campagna elettorale del capoluogo. E lo fa partecipando ad uno dei momenti organizzati, presso il Miv di Varese, dal consigliere comunale uscente e candidato Pdl al Consiglio comunale di Varese, Mauro Pramaggiore. Accanto a Pramaggiore e Cattaneo, c’è anche l’assessore uscente alla Promozione del territorio, Enrico Angelini. L’assessore regionale propone una sua breve riflessione sulle vicine elezioni e, bisogna riconoscere, le cose non le manda a dire.

“E’ necessario che a Varese continui la buona amministrazione garantita, in questi anni, dal centrodestra”, dice Cattaneo. E dunque lo sguardo si rivolge ai vari candidati sindaci. “Vorrebbe forse qualcuno che vinca l’estrosa originalità di Raffo? Oppure Nicoletti con il suo Movimento Libero? E se guardiamo a sinistra, com’è possibile scegliere la Oprandi, bravissima ragazza, che però tiene insieme i cattolici e la sinistra mangiapreti?”. Cattaneo affronta poi il problema dell’assenza dell’Udc. “Mi dispiace per questo. Ora si sono dispersi e confusi: Ibba si fa appoggiare dall’Adc e Morello resta con l’Udc. Erano già quattro gatti prima, figuriamoci così divisi”.  

Per non buttare il voto, conclude Cattaneo, non resta che votare Fontana sindaco e la coalizione che ha governato fino ad oggi. Resta però la necessità che nella coalizione di centrodestra il Pdl resti il primo partito. Quanto alla Lega, Cattaneo dice la sua. “Dove la Lega è in coalizione con il Pdl, allora ha spazio una Lega moderata e di buon senso. Dove, invece, corre da sola, la Lega è più estremista”. L’assessore regionale chiede il voto non solo per il Pdl, ma per alcuni candidati del Pdl, “che credono nei valori ai quali ci sentiamo vicini”. Dunque, Pramaggiore come consigliere comunale (“ha òavorato bene in questi anni, apprezzato da maggioranza e opposizione”). E per quanto riguarda Angelini, continua Cattaneo, “se prenderemo tantio voti, Angelini continuerà a fare l’assessore, deve andare avanti”.

Sono intervenuti anche Pramaggiore, che ha auspicato un’azione amministrativa ispirata alla “responsabilità sociale”, e lo stesso Angelini, che ha elogiato “un Pdl  presente sul territorio, ancorato ai valori, segno di speranza nella politica”.

1 maggio 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti a “Elezioni di Varese, Cattaneo dà le pagelle ai candidati

  1. pino il 3 maggio 2011, ore 14:49

    La sinistra mangiapreti a cui fa cenno Cattaneo sono quelli vestiti di verde che manifestavano con i cartelli contro il cardinale Tettamanzi?

  2. adrasto il 3 maggio 2011, ore 16:38

    I candidati PDL hanno lavorato tanto bene che nessuno a Varese se ne è accorto….. degli illustri sconosciuti!
    Ma si sa quelli di CL sono come i trinarciuti di guareschiana memoria: Obbedienza cieca,pronta, assoluta!
    E in quanto ai mangiapreti ,che ne dice il cattolicissimo Cattaneo dei ” Fora di ball” dei suoi meravigliosi e acculturati alleati!
    Sperem che fora di ball ci vadano loro questa volta e …. per sempre!

  3. Antonio il 3 maggio 2011, ore 18:18

    Sono antonio e vivo a Varese da molti anni e da tempo che non capisco come mai tutti quei Paesani che hanno dato il loro voto a questa lega. Io non dimentico ” NON SI AFFITTANO CASE AI MERIDIONALI SOPRATTUTTO SE HANNO FIGLI ” E’ vero che di acqua ne passasta sotto i ponti, quei ponti che magari abbiamo costruito noi TERONI. Non facciamoci più ingannare da tanta ipocrisia, quando le cose vanno bene, merito della Lega, quando vanno male è colpa di Berlusconi. Oggi l’unica possibilità che abbiamo noi Calabresi, Campani, Lucani, Molisani e Siciliani si chiama Popolo delle LIbertà. Io ho trovato molta cordialità e capacità di ascolto nella persona dell’Assessore Angelini

Rispondi