Politica

Pennacchi lancia a Latina laboratorio fascio-comunista

Lo scrittore Antonio Pennacchi

Lo scrittore Antonio Pennacchi si presenta a Montecitorio per lanciare il laboratorio ‘fascio comunista’ per Latina, lista che porta il suo nome. L’autore di “Canale Mussolini” dice: ”qualcuno dice che ‘fascisti’ e ‘comunisti’ non possono stare insieme”. “Ci dicono che le ideologie sono tramontate, che le esperienze del fascismo e del comunismo sono andate male”.

“Sono iscritto ancora al Pd – continua lo scrittore -, ma sogno che il partito si possa sciogliere, che se ne faccia uno nuovo, dal nome Unità Nazionale. A me – dice ancora – mi fanno incazzare non solo quelli a destra ma anche quelli a sinistra che dicono ‘va bene Pennacchi’ ma i ‘voti da destra sono inaccettabili. Salvo poi prendersi i voti dei ‘fasci’ di nascosto”.

A Latina la lista “Fli con Penancchi” vuole proporre un laboratorio innovativo che vede il capoluogo pontino come “metafora dell’Italia intera”. Lo scrittore presenta il progetto assieme al capolista, Fabio Granata e al candidato sindaco Filippo Cosignani e a Claudio Barbaro.
Per Fabio Granata si tratta di “una grande provocazione futurista”, e spiega che l’iniziativa è nata quasi per caso, in occasione di un incontro veneziano con lo scrittore vincitore del premio Strega. ”Stiamo assistendo in Italia ad un bipolarismo spento, quella di Pennacchi è invece una grande provocazione futurista. Risponde poi all’ex compagno di partito, Maurizio Gasparri: ”lui dice che la mia faccia e’sconosciuta a Latina; la sua, invece, la conoscono anche troppo bene’.

21 aprile 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi