Luvinate

Luvinate, i pensionati promuovono il bilancio

Il vicesindaco Alessandro Boriani

Sul fronte delle politiche sociali, il bilancio 2011 del Comune di Luvinate promosso dai sindacati. E’  il risultato dell’incontro tra i pensionati della Cgil, Cisl e Uil e il Comune di Luvinate, rappresentato dal vicesindaco ed assessore alle politiche sociali ed educative, Alessandro Boriani, svoltosi nei giorni scorsi.

“Come sindacati pensionati programmiamo da anni incontri annuali con i vari Comuni, ponendoci come interlocutori degli Enti locali, certi che dal confronto possano emergere sempre utili suggerimenti e prospettive. Abbiamo dunque potuto condividere – afferma Luciano Finetti dello Spi-Cgil a nome di Cgil, Cisl e Uil - con il Comune di Luvinate le linee guida per il 2011, apprezzando il fatto che l’Amministrazione locale abbia scelto di sopperire, con fondi propri, ai tagli imposti dalla Regione sui finanziamenti del Piano di zona, confermando così lo stanziamento per le politiche sociali dell’ anno precedente con un incremento del 2% tale accordo firmato verrà publicato sul giornalino del Comune”. 

Preso poi atto di alcune ulteriori scelte: la conferma di 12.500 euro per l’ esenzione dall’addizionale comunale e l’applicazione di uno sconto del 30% sulla Tarsu, oltre che per gli anziani, anche per le famiglie numerose o per quei nuclei familiari con disoccupati o cassintegrati.

“E’  davvero positivo poter constatare come esistano realtà sociali che hanno a cuore l’ interesse dei cittadini pur non avendo particolari legami con la nostra comunità. Segno di un’attenzione al bene comune che ritengo molto significativa. La chiacchierata di questo anno – sottolinea il vicesindaco Alessandro Boriani- è stata utile per affrontare una panoramica generale sulla situazione sociale dei prossimi anni dal punto di vista finanziario, cosa che desta una certa preoccupazione. Per questo abbiamo già individuato uno o due interventi su cui certamente rifletteremo per sostenere con ancora più coraggio le categorie più bisognose come anziani o giovani coppie e lavoratori a progetto”.

6 aprile 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi