Varese

L’assessore Cattaneo lancia la Carta facendo benzina

Aldo Colombo paga il suo pieno di benzina

La Crs (Carta regionale dei servizi) per fare il pieno di benzina ha debuttato questa mattina a Varese, presso il distributore Agip di viale Borri. Ed è arrivato l’assessore regionale alle Infrastrutture in persona, il varesino Raffaele Cattaneo, a controllare che tutto filasse per il verso giusto. Da oggi la vecchia carta sconto per la benzina va in pensione, e al suo posto, muniti del relativo Pin, si può fare il pieno scontato presentandosi alla pompa di benzina con la nuova Carta regionale. Nel frattempo, i distributori delle Province di Varese, Como e Sondrio, si sono adeguati al nuovo sistema.

Accanto all’assessore del Pirellone, è presente il pool dei consiglieri varesini Pdl: il presidente del gruppo in Regione, Paolo Valentini Puccitelli, i consiglieri regionali Rienzo Azzi e Giorgio Puricelli. Non manca neppure il coordinatore Pdl di Varese, il consigliere comunale Aldo Colombo.  A rappresentare le due associazioni dei commercianti, Giorgio Angelucci, presidente di Uniascom e il direttore di Confesercenti, Gianni Lucchina.  Ma al momento del primo pieno di benzina, che si paga Aldo Colombo, spuntano anche due testimonial d’eccezione, che sovrastano (per altezza fisica) tutti gli altri: Cecco Vescovi, presidente della Pallacanestro Varese, e il campione Jack Galanda.

“Una carta unica che serve per ricevere lo sconto, ma anche per tutti gli altri servizi regionali – spiega Cattaneo -. Con la Crs rilanciamo la Carta sconto benzina, con il vantaggio di recuperare accise maggiori grazie al fatto che i varesini decidono di non andare oltre confine a fare il pieno”. Tra l’altro, il nuovo strumento, più sofisticato, ha consentito di  eliminare 40 mila posizioni (su 369 mila) non aventi diritto allo sconto. Uno strumento di ultima generazione la nuova Carta: microchip di massima qualità, sistema di sicurezza a prova di truffe, obiettivo di facilitare ogni relazione con l’amministrazione pubblica. Tra gli sponsor tecnici dell’operazione, Lombardia Informatica e Intesa San Paolo.

Il consigliere Pdl Puricelli rivendica che il Pirellone è in prima linea sul fronte della digitalizzazione, mentre Azzi dice che questo strumento dimostra come la Regione sia vicina ai cittadini. “Un’iniezione di fiducia in un momento pesante come questo”, dice Angelucci, presidente Uniascom. E Lucchina, direttore Confesercenti, rimarca che “il collegamento è stato pagato dai gestori, mancano ancora all’appello le compagnie, ma sono già state convocate al Pirellone”.

4 aprile 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi