Busto Arsizio

Baff al via. Il “bad hero” Michael Madsen guest star

Miachael Madsen ospite d'onore a Busto

Domani sabato 2 aprile si apre ufficialmente la IX edizione del B.A. Film Festival. E parte con un doppio appuntamento che segna il taglio del nastro ufficiale per l’appuntamento annuale con il cinema.

Alle 16.30 si terrà la cerimonia inaugurale (ingresso libero e gratuito), nell’ormai consueta cornice di Villa Calcaterra (Via Magenta, 70), sede dell’Istituto Cinematografico Michelangelo Antonioni, cuore cittadino della cultura cinematografica.

Saranno presenti il sindaco Gigi Farioli, l’assessore alla cultura Claudio Fantinati, Gabriele Tosi, presidente del Baff, Vittorio Giacci, direttore artistico, Andrea W Castellanza, direttore dell’Istituto Antonioni, l’attrice e giurata Alessia Barela. Ospite d’onore l’attore statunitense John Savage, protagonista domenica pomeriggio di un incontro con il pubblico, alle 16, al cinema Fratello Sole, prima della proiezione del film “Hair” di Milos Forman.

Nel corso della cerimonia verranno premiati i vincitori del concorso di sceneggiatura, che si contenderanno il Premio Luigi Bandera per la miglior sceneggiatura (euro 5.000), il Premio Faciba (onorifico) per la miglior sceneggiatura – Opera Prima, e due menzioni speciali, dedicate a Bruno Tosi e Roberto Ferrario. Presenta l’evento la simpatica e brava Claudia Donadoni.

Alle 21 serata di apertura, presso il Teatro Sociale di Busto (ingresso libero e gratuito), dedicata all’attore americano Michael Madsen, che riceverà il Premio alla Carriera Dino Ceccuzzi Platinum. Dopo un faccia a faccia con il giornalista Matteo Inzaghi, Madsen leggerà alcune delle sue poesie. Seguirà la proiezione del film cult Le iene – Reservoir dogs (1992), che segnò l’inizio della fruttuosa collaborazione tra Madsen, nel consolidato ruolo di “bad hero”, e Quentin Tarantino, ai suoi esordi. Per volontà dell’attore, la serata sarà dedicata all’iniziativa di raccolta fondi a scopo benefico per i terremotati in Giappone, in collaborazione con la Croce Rossa Italiana.

1 aprile 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi