Varese

Il leghista Dario Galli contro il “buonista” Formigoni

Se Formigoni indica il campo di Lonate Pozzolo come luogo in cui accogliere un migliaio di profughi, la Lega Nord accende subito il semaforo rosso. Nessun campo in Padania. A prendere la parola il presidente della Provincia di Varese, Dario Galli, che deve affrontare il non facile compito di non criticare il ministro leghista degli Interni, Roberto Maroni, ma nello stesso tempo dire no ad ipotesi di aree per affrontare l’emergenza.

“Abbiamo la massima fiducia nel ministro Roberto Maroni, poiché ha sempre dimostrato di stare in prima linea per risolvere i problemi alla fonte. Ed è quello che sta facendo anche ora allacciando anche rapporti con i Paesi del Nord Africa. Dopo di che, essendo il ministro Maroni un ministro padano lungimirante e pragmatico, starà valutando le varie ipotesi. Da parte nostra attendiamo con massima fiducia la decisione”.

Tuttavia, il leghista Galli attacca coloro che, nella stessa maggioranza di Maroni, sostengono la necessità di accogliere i profughi. “Esiste una fazione – attacca Galli  - che sinceramente credo minoritaria, di persone che non danno soluzioni alternative concrete, ma continuano a sostenere la tesi buonista dell’accoglienza. Provincia di Varese è pronta a farsi carico, attraverso i suoi uffici, di raccogliere tutte le disponibilità di privati o enti che vogliono mettere a disposizione spazi per accogliere i profughi e creare un data base”.

Sconcertante la conclusione del presidente di Villa Recalcati: “Mi aspetto che molti privati, che magari votano centrosinistra e hanno case di grandi dimensioni, piuttosto che certe associazioni umanitarie a cui non manca la disponibilità di spazi, diano la loro disponibilità. In questo modo si potrà così dare un aiuto a queste persone”.

31 marzo 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Il leghista Dario Galli contro il “buonista” Formigoni

  1. Turendo il 20 settembre 2011, ore 09:56

    Sintesi perfetta:
    niente chiacchiere ma proposte serie.

    Complimenti a Galli.

Rispondi