Cultura

Black & white l’ultimo giallo di Fiorenzo Croci

Dettaglio della copertina nera

Sarà presentato domani 1 aprile, alla Libreria del Corso di Varese, il nuovo romanzo di Fiorenzo Croci “Quell’insolito caso di via Cavallotti”. Un giallo ambientato nella via Cavallotti di una cittadina di provincia (che potrebbe essere Varese, così come tanti altri paesi), e pubblicato nella collana Argilla delle edizioni Il Cavedio, con illustrazioni interne e di copertina di Renato Pegoraro.

L’appuntamento è alle 18,30 in Corso Matteotti, dove la Libreria del Corso ha allestito una vetrina dedicata al volume, ideata e realizzata dall’art director del Cavedio Laura Sangiorgi. In esposizione alcune fra le più significative illustrazioni contenute nel libro, disponibile fra l’altro in due versioni: con copertina bianca oppure nera.

I proventi della vendita andranno a sostenere i progetti in Africa del dottor Giorgio Salandini e in particolare, come precisato nella prefazione “all’ampliamento della Library e alla creazione di borse di studio per i più meritevoli, così che anche in una terra remota come l’Uganda il cuore di varesini sarà ricordato per sempre.”

Fiorenzo Croci è nato a Vedano Olona nel 1951 e risiede a Varese. Giornalista, scrittore, dirige la scuola di scrittura “Scrivere il corto”. Come giornalista ha fondato diverse testate culturali che ha poi passato ai giovani che lo seguono. Come scrittore ha pubblicato per Mursia “In prima linea, un bersagliere sul fronte russo” e per le edizioni del Cavedio libri di racconti e di arte. Con lo pseudonimo di Abramo Vane recentemente ha pubblicato “Poesie, ricordi & rock’n’roll”.

Come si legge nella postfazione di Lorenzo Cavalli, “in Quell’insolito caso di via Cavallotti le sorprese e i ribaltamenti di prospettiva non mancano fino alle ultime pagine, eppure non sono il punto cruciale dell’intreccio: Fiorenzo Croci riesce a creare una memorabile galleria di personaggi vividi, capaci di bucare la cornice della narrazione con la loro incomprensibile originalità”.

31 marzo 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi