Varese

Appello per restaurare la chiesa della Schirannetta

Da sinistra, Crespi, Angelini e monsignor Donnini

Un piccolo gioiello artistico e religioso di Varese, la chiesa della Schirannetta a Casbeno, che affonda le sue radici nel Medioevo. A presentare i lavori di restauro che sono stati programmati, un esempio di proficua sinergia: la Chiesa locale, rappresentata dal prevosto di Varese e parroco di Casbeno, monsignor Gilberto Donnini, l’assessore alla Promozione del territorio del Comune, Enrico Angelini, e il presidente del Consiglio della Circoscrizione 2, Stefano Crespi. Tre esponenti del territorio che ritengono doveroso l’intervento di tutela e restauro della chiesa di Santa Maria della Purificazione, come si chiama la chiesetta tanto amata dai varesini.

Parte dal tessuto della fede popolare, monsignor Donnini, a ribadire quanto questo luogo sia un punto di riferimento per tanti. “Alla Schirannetta, per la Candelora – dice Donnini – alla Schirannetta arrivano le gestanti, un gesto che si ripete da secoli, e che è legato all’affresco della Madonna che allatta Gesù che si trova all’interno”. Un motivo per cui questa chiesa è conosciuta anche come Santuario della Madonna del Latte. Un gioiello che, però, ha bisogno di un intervento urgente.

Monsignor Donnini parla della necessità di restaurare la chiesetta. Secondo un preventivo, i lavori costano 100 mila euro. L’intervento, spiega il prevosto, non riguarderebbe l’interno, ma cio si limita, per ora, alla facciata, dove le figure dei santi sono state quasi cancellate dal passare degli anni. E, visto che i ponteggi sono montati, si procederebbe anche ad una ripulitura esterna e ad un controllo al tetto. Se poi si riesce a stare dentro il preventivo, anche una scala d’accesso andrebbe risistemata. “Non immagino un grosso sponsor – dice monsignor Donnini – ma tante piccole offerte da parte della gente, dei fedeli. Dei varesini, insomma”.

Interviene anche l’assessore alla Promozione del territorio, Angelini. “E’ una chiesa piccola, ma fa parte a pieno titolo del patrimonio artistico e culturale della città”. Angelini ribadisce il binomio cultura e valorizzazione del territorio come un motore di iniziative positive. Iniziative che spesso, come in questo caso, hanno trovato anche nella Circoscrizione e nel presidente Crespi risorse preziose. Risorse che fanno dire all’assessore alla Promozione del territorio, “guardo con rammarico e anche contrarietà la soprressione delle Circoscrizioni, dato che sono in grado di intercettare il sentire della gente: mi auguro che, a livello centrale, ci sia un ripensamento in proposito”.

Per portare l’attenzione sulla chiesa della Schirannetta, è stato anche proposto un concerto della serie “Vie Sacre”, in programma domenica 3 aprile, alle ore 16.30 (alle 16.15 visita guidata alla chiesa), dal titolo “Duo di soli”, un concerto per violino e viola. La rassegna è promossa dall’associazione culturale IncontrArti e i due musicisti provengono dal complesso della Camerata dei Laghi.

30 marzo 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi