Varese

Bilancio. Pd: collaborazione proficua con maggioranza

Il capogruppo Emiliano Cacioppo

“Un rapporto normale, civile, di rispetto reciproco, pur nella consapevolezza del ruolo diverso che maggioranza e opposizione devono svolgere”. Con queste parole il Pd commenta l’approvazione di nove emendamenti avvenuta in Consiglio comunale ieri sera.

L’ok alle indicazioni del PD ha consentito di “dirottare” 78 mila euro a bilancio ripartiti in otto settori distinti: 20.000 euro per iniziative per l’occupazione giovanile (emendamento Maresca); 1000 euro per contributi ad enti e associazioni a tutela della maternità (emendamento Molinari); 10.000 euro per l’inserimento dei disabili in centri a regime diurno (emendamento Molinari); 5000 euro per l’acquisto di attrezzature per la protezione civile (emendamento Mirabelli); 6000 euro per sussidi agli anziani indigenti (emendamento Mirabelli); 10.000 euro per il servizio di manutenzione di vie e piazze (emendamento Nicora); 20.000 euro per l’acquisto e l’installazione di nuovi giochi nel giardino dell’asilo comunale Collodi (emendamento Conte).

Il consigliere Milana, infine, è riuscito a fare approvare un emendamento per finanziare per 150.000 euro tramite oneri di urbanizzazione, quindi con risorse certe, gli interventi per gli adeguamenti degli edifici scolastici, che prima erano finanziati tramite alienazioni patrimoniali, risorse altamente aleatorie.

Il fatto ha indotto il capogruppo Cacioppo a valutare la vicenda: “Ciò significa che, in un momento di grave crisi economica che colpisce duramente famiglie e imprese della nostra città, maggioranza e opposizione hanno tentato responsabilmente di collaborare, ove è stato possibile, nell’interesse dei varesini, così come è già accaduto senza scandalo in Provincia e in Regione”.

Secondo Cacioppo, “la gente, giustamente, in questo momento, non avrebbe capito uno sterile ostruzionismo.  Rinunciando all’arma dell’ostruzionismo abbiamo contribuito a fare risparmiare i gettoni di presenza di una seduta del Consiglio comunale già convocata per giovedì”.

“Alla fine, comunque, non abbiamo fatto alcuno sconto alla maggioranza – conclude Cacioppo – visto che abbiamo votato convintamente contro ad un bilancio caratterizzato da pesanti tagli, circa 5 milioni di euro, imposti dal governo nazionale di Berlusconi e da quello regionale di Formigoni”.

29 marzo 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi