Varese

A-tube, Varese perde anche il festival di cartoon

A-tube, taglio del nastro della prima edizione

E’ stato, per due edizioni consecutive, un festival di successo, che ha portato nel capoluogo maestri del cinema come Bruno Bozzetto ed Enzo D’Alò, e ha richiamato al Miv un folto pubblico, soprattutto giovanile. Parliamo del festival ”A-tube, the Global Animation Film Festival”, che si è tenuto l’anno scorso e l’anno prima, ma che quest’anno non vedremo a Varese. Una vera eccellenza, al pari del festival Cortisonici, che si conclude questa sera a Varese con la premiazione dei vincitori (Teatro Nuovo, ore 21).

La notizia è ufficiale: il festival di cinema d’animazione d’autore, diretto da Giorgio Ghisolfi e sostenuto da Comune di Varese e Pro Loco, che nel mese di maggio  proponeva un ricco cartellone di proposte, tra proiezioni, dibattiti e workshop, non avrà l’edizione 2011.

Una grande perdita per Varese, che si conferma, rispetto ad altri centri come Gallarate, una città a basso tasso di iniziative culturali. Con il paradosso che iniziative che ottengono successo e propongono novità di qualità, non riescono a svilupparsi. Insomma, Cartoonia in salsa varesina sembra avere già concluso la sua parabola. Una meteora nel grigio cielo del capoluogo.

Per quale ragione gli organizzatori abbiano deciso di stoppare la terza edizione, è difficile dirlo. Ciò che si sa è che il festival non è morto, ma verrà riproposto tra un anno, nel 2012. Sembra infatti che, visto il successo ottenuto, il festival abbia deciso di consolidarsi e di approntare una struttura più adeguata a gestire al meglio l’organizzazione della manifestazione. Da parte del Comune rimarrebbe inalterato l’interesse a sostenere questa eccellenza culturale.

Dunque, nuova edizione di A-tube nel 2012, confermando il direttore artistico, il competente e raffinato regista Giorgio Ghisolfi, e la formula vincente, quella della vetrina di corti d’animazione d’autore, sempre di alta qualità. Qualche mutamento significativo, invece, ci sarebbe a livello organizzativo, nel senso che uscirebbe di scena la Pro Loco. E sarebbe in corso la ricerca di qualche impresa privata varesina che, operante nel campo della comunicazione, fosse interessata alla bella iniziativa.

26 marzo 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi