Varese

Esercitazioni anti-incendio nelle scuole. Non in Comune

La presentazione delle attività della Protezione civile comunale

Il Comune di Varese punta su sicurezza e prevenzione nelle scuole. Oggi pomeriggio, in Sala Matrimoni, in occasione del ripartenza del progetto “A scuola sicuri” affidato alla Protezione civile comunale, è stato presentato un piccolo bilancio delle iniziative che sono state realizzate lo scorso anno. Come ha ricordato l’assessore alla Sciurezza, Fabio D’Aula, “proseguiamo nell’impegno di estendere la cultura della prevenzione e della sicurezza sui posti di lavoro e nelle scuole, con l’augurio di non dovere mai attivare le procedure, ma anche con la certezza di non farsi trovare impreparati di fronte al bisogno”.

Un bilancio di grande impegno, quella della Protezione civile varesina, illustrato dal responsabile Gianluca Siciliano. 100 le ore impiegate nel progetto “A scuola sicuri”, oltre 7000 ore di servizio di Protezione civile, distribuito tra ricerca dispersi, incendi boschivi e emergenze idrogeologiche, 1312 ore di formazione e 2843 ore di addestramento, 700 ore di impegno sul fronte delle emergenze. Una missione in terra ligure sul fronte anti-incendio boschivo.

“Al momento – ha detto Siciliano – sono 42 i volontari, ma ci auguriamo, quest’anno, di arrivare a quota 50. Soprattutto chiediamo di aderire al nostro progetto persone magari pensionate, dato che per l’80% delle nostre forze è costituito da giovani tra i 20 e i 40 anni”.

Questa mattina si è tenuta, presso la Scuola primaria Morandi una prima esercitazione per evaquare l’istituto in caso di incendio. “Una esercitazione andata bene – ha dichiarato Carlo Botti, responsabile del progetto -. E nei prossimi mesi saranno realizzate esercitazioni simili nelle scuole Mazzini e Righi, all’istituto Einaudi di via Como e di via Rainoldi, e nel distaccamento della Einaudi alla “Gorini” in via Goldoni”. Iniziative che, invece, non sono mai a.pprodate all’università. E che non sono mai state realizzate neppure nello stesso palazzo comunale.

22 marzo 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi