Varese

Lista Pd: entra in scena il comitato dei saggi

Il Comune di Varese

Sobrietà e spese modiche in campagna elettorale. Il Pd sceglierà i candidati da mettere in lista per le prossime amministrative in base a principi etici rigorosi. Un elemento sottolineato, questa mattina, alla presentazione, in Comune a Varese, dei criteri per la formazione delle liste, a volere rimarcare che la correttezza dei comportamenti, pubblici e privati, in politica non è una variabile indipendente. Siamo lontano anni luce da Arcore.

Tutti coloro che vogliono candidarsi o coloro che vogliono segnalare qualche nome per le prossime amministrative possono presentare i nomi al partito varesino fino al 31 marzo. Sia iscritti, che non iscritti al Pd. L’importante è che i candidati aderiscano ai principi etici del Pd, al suo programma elettorale, accettino e sostengano il candidato-sindaco, aderiscano al gruppo consiliare in  Comune (anche come indipendenti).

La polemica, e dura, è verso il centrodestra: “Abbiamo scelto un criterio di massima trasparenza, prima con il programma e adesso con la formazione delle liste - dichiara Roberto Molinari, segretario cittadino del Pd -. Un segnale forte che vogliamo dare ai cittadini e anche a quelle realtà politiche in cui tutto resta avvolto nel mistero”.

Una volta arrivati i nominativi, essi saranno vagliati da un comitato elettorale di uomini e donne, òpersonalità al di sopra di ogni sospetto: il comitato è formato da Claudio Donelli, ex senatore Pci, Ambrogio Vaghi, ex capogruppo Pci e consigliere, Margherita Giromini, insegnante, Erica Lenzi, coordinatrice Giovani Pd, Carlo Nicora, consigliere comunale uscente, Livio Ghiringhelli, dirigente scolastico, e Giampaolo Zoppini, ex assessore negli anni Ottanta. Al comitato il compito di fare i dovuti approfondimenti sui nomi e poi trasmettere una lista di papabili alla direzione cittadina, che deciderà e “chiuderà” la lista per le elezioni comunali di Varese.

Il Pd correrà alleato di Sel e Italia dei Valori a sostegno del candidato sindaco Luisa Oprandi. Anche in forse la lista civica di appoggio alla Oprandi, formata da personalità della società civile.

A presentare i criteri questa mattina era presente anche il capogruppo Emiliano Cacioppo, che ha dichiarato di essere intenzionato a non ricandidarsi più in Consiglio comunale.

18 marzo 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi