Cultura

Dopo la casa di Leopardi, “Carovana dei versi” a Varese

Un momento della Carovana al Chiostro di Voltorre

La “Carovana dei versi”, promossa  dalla varesina Abrigliasciolta, ha celebrato a Recanati, patria di Giacomo Leopardi, la ricorrenza del 150° anno dell’Unità d’Italia. Così, dopo la prima tappa romana e la seconda marchigiana, la carovana dei poeti guidata da Ombretta Diaferia approda, da domani, nella città di Varese in vista della celebrazione della Giornata Mondiale della Poesia, che cade lunedì 21 marzo, primo giorno di primavera.
 
Voluta dal Comune di Recanati, dal Centro mondiale della poesia e della cultura, dal Centro nazionale di studi leopardiani, da Gli eroici Furori – Arte Contemporanea di Silvia Agliotti e da Arcipelago edizioni, l’iniziativa di Recanati è stata curata da uno dei più grandi poeti italiani, Tomaso Kemeny. Centinaia di poeti si sono dati appuntamento nella piazza Sabato del Villaggio da cui è partita la manifestazione, che si è diretta verso il “Colle dell’Infinito”. In quel luogo si è sviluppata un’unica lettura della canzone di Leopardi “All’Italia” da parte dei poeti presenti, e tra questi hanno dato un contributo decisivo anche i poeti della “Carovana dei versi” “made in Varese”, e cioè Metello Faganelli, Michele Forzinetti, Alessandro Gianni e Ombretta Diaferia. Dopo la lettura al Colle, presso il Centro Mondiale della Poesia si è potuto assistere all’iniziativa di Kemeny “Garibaldi è troppo umano per essere vivo?”, performance a cui è seguito l’intonazione dell’Inno d’Italia.

La performance “banda diversi-detenuti in azione”, infine, è stata presentata a fine serata in un palcoscenico d’eccezione, l’Aula Magna del Comune di Recanati, quella inaugurata dal Carducci nel 1898. Prima della conclusione, affidata al pianoforte del musicologo Quirino Principe sulle note degli inni di tutto il mondo, la “Carovana dei versi” ha fatto risuonare i versi che sono stati dedicati all’Italia da due detenuti, un serbo ed un marocchino.

Questa sera, 18 marzo, parte il tour nella provincia di Varese. Domani i poeti della “Carovana” faranno irruzione, con i loro testi, nella Casa Circondariale di Varese, in scuole, stazioni, biblioteche, teatro. Domenica i carovanieri si trasferiranno al Chiostro di Voltorre per una grande manifestazione che durerà tutto il giorno. Lunedì, Giornata Mondiale della Poesia, gli autori in viaggio torneranno in città e declameranno i loro versi nella centralissima Piazza Monte Grappa, raffinato sottofondo poetico alla visita del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, che più volte ha espresso la sua più viva preoccupazione per le difficoltà del mondo della cultura e dello spettacolo nel nostro Paese. Sempre lunedì sera, chiusura della “Carovana” alla Chiesa di San Rocco a Carnago.

18 marzo 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi