Varese

Una Quaresima in musica. Torna “Vie Sacre”

Da sinistra, l'assessore Angelini e Lerose di IncontrArti

Riprende con il titolo “Tempo di Quaresima” il progetto “Vie Sacre”, giunto alla sua terza edizione. Un cartellone di appuntamenti settimanali di musica sacra che si svolgono nelle chiese della provincia di Varese. I concerti sono preceduti da visite guidate, che illustrano e valorizzano il bene architettonico scelto come luogo dell’esibizione musicale. Un progetto targato IncontrArti, con il patrocinio di Provincia e Comune di Varese, Camera di commercio, Varese Land of Tourism. Protagonista l’Orchestra Camerata dei Laghi. 

Sia pure con un po’ di ritardo (il primo dei cinque concerti si è svolto il 13 marzo a Sant’Antonio alla Motta di Varese), è stata presentata questa mattina la rassegna presso “Vie Sacre” presso lo Iat del Comune, alla presenza dell’assessore alla Promozione del territorio, Enrico Angelini, e di Stefano Lerose, dell’associazione promotrice.

Interessanti i prossimi appuntamenti:

Domenica 20 marzo ore 16.30

Rassegna VIE SACRE con Orchestra Camerata dei Laghi

“Suonare e pregare”

musiche di Vivaldi A., Schubert F., Haendel G.F., Gounod C., Galuppi B., Frank C.

Santuario Santi Fermo e Rustico

via Oslavia, San Fermo, VARESE

Il concerto è introdotto da visita guidata alla Chiesa ore 16.15

Ingresso libero

La chiesa come luogo dell’anima, è per questo che il programma comprende tre gioielli della preghiera in musica: L’Ave Maria di F. Schubert, l’Ave Maria di C. Gounod e il Panis Angelicus di C. Frank. La scelta di eseguire delle preghiere solo strumentalmente, è per favorire una meditazione personale da parte del pubblico senza “soggetti” che possano in qualche modo “distrarre” l’attenzione dello stesso, per meglio calarsi nel luogo dell’anima. I brani da cornice serviranno per introdurre, portare, l’ascoltatore al momento della preghiera. Gli autori (tutti del ‘700) sono: A.Vivaldi (due concerti per archi), B. Galoppi (una sonata a 4) e G.F. Haendel (la Sinfonia dell’oratorio “The Messiah”).

Programma:

VIVALDI A. Concerto per archi in re magg. RV121

SCHUBERT F. Ave Maria

HAENDEL G.F. Sinfonia del Messiah

GOUNOD C. Ave Maria

GALUPPI B. Concerto a 4 n° 1 in sol minore

FRANK C. Panis Angelicus

VIVALDI A. Concerto in la magg. FXI n°4 per archi

 

Domenica 27 marzo ore 16.30

Rassegna VIE SACRE con Orchestra Camerata dei Laghi

“Assolo vivaldiano”

Chiesa San Giuseppe

piazza San Giuseppe, centro VARESE

Il concerto è introdotto da visita guidata alla Chiesa ore 16.15

Ingresso libero

Concerto interamente dedicato ad Antonio Vivaldi (Venezia 4 marzo 1678 – Vienna 28 luglio 1741) celebre violinista e compositore, figlio di un violinista della cappella ducale di San Marco, ancora oggi ricordato per gli oltre 550 concerti che ci ha lasciato. Momenti solistici accompagnati da grandi momenti per orchestra.

Programma:

VIVALDI A.

Assolo vivaldiano

Concerto per archi in re magg. RV121

Concerto in la magg. FXI n°4 per archi

Sonata a 4 Al Santo Sepolcro

Sinfonia al Santo Sepolcro

Concerto Alla Rustica

Concerto Madrigalesco

Concerto in sol magg.

Domenica 3 aprile ore 16.30

Rassegna VIE SACRE violino-viola

“Duo di soli”

Chiesa della Schirannetta

Casbeno, VARESE

Il concerto è introdotto da visita guidata alla Chiesa ore 16.15

Ingresso libero

Programma:

I.J. Pleyell Duetto per violino e viola op. 44

A. Rolla Duetto per violino e viola op.13

J. S. Bach Variazioni Goldberg. Aria

I.J. Pleyel Gran duo per violino e viola op.69

W.A. Mozart Duetto per violino e viola K 423

 

Domenica 10 aprile ore 16.30

Rassegna VIE SACRE con Orchestra Camerata dei Laghi

Hayden “Le ultime sette parole di Cristo sulla croce”

Chiesa Sant’Antonio alla Motta

Piazza della Motta VARESE

Il concerto è introdotto da visita guidata alla Chiesa ore 16.15

Ingresso libero

Brano dominato da un’intima religiosità, costruzione sonora capace di raffigurare lo scorrere delle cose umane e le verità della Fede con forza persuasiva pari alla musica vocale, fu composta per soddisfare la richiesta di un canonico che chiedeva una musica che accompagnasse l’annuale celebrazione della Passione il Venerdì Santo. La prima esecuzione ebbe luogo, presumibilmente, il Venerdì Santo del 1786. Oltre alle sette sonate, come egli le definiva, Haydn scrisse un’introduzione e, per concludere, una descrizione del terremoto che sconvolse il Calvario, secondo quanto racconta il Vangelo di Matteo. Quando il lavoro fu pubblicato da Artaria, Haydn si diede molto da fare per assicurarsi che il testo delle sette parole fosse scritto sotto la parte del primo violino, perché gli esecutori si potessero immedesimare con il contenuto di quanto stavano suonando. Dopo otto movimenti lenti si perviene a un luminoso Presto conclusivo: nella Passione di Cristo si intravedono i segni della vittoria sulla morte, la sua Resurrezione

Programma:

Introduzione. Maestoso ed Adagio

Sonata I – Largo

Pater, dimitte illis, quia nesciunt, quid faciunt (Luca 23,34)

Sonata II – Grave e Cantabile

Hodie mecum eris in Paradiso (Luca 23,43)

Sonata III – Grave

Mulier, ecce filius tuus (Giovanni 19,26)

Sonata IV – Largo

Deus meus, Deus meus, utquid dereliquisti me? (Marco 15,34; Matteo 27,46)

Sonata V – Adagio

Sitio (Giovanni 19,28)

Sonata VI – Lento

Consummatum est (Giovanni 19,30)

Sonata VII – Largo

In manus tuas, Domine, commendo spiritum meum (Luca 23,46)

Il terremoto

16 marzo 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi