Varese

Circoscrizione 5: biblioteche comunali, tagli continui

Quando si parla di biblioteche, partono gli elogi. Le biblioteche che aumentano gli utenti, le biblioteche che sono un luogo di iniziative e di cultura, le biblioteche che restano un punto di riferimento per il territorio. Tante parole che, spesso, però, non corrispondono ai fatti. Anzi, dai fatti vengono proprio smentite. Circoscrizione 5 di Varese (Belforte, Valle Olona, San Fermo), all’esame, ieri sera, il bilancio comunale 2011.

Ad un certo momento, va al voto un emendamento presentato dal consigliere Pd Luca Conte. Secca la proposta: “trasferimento di euro 20.000 dal capitolo 49300 (Parcheggio di Via Monguelfo – Castello di Masnago: nuova pavimentazione) al capitolo 46220 (Acquisto materiale bibliografico)”. Una richiesta semplice, ma perentoria: più libri alle biblioteche comunali. Una  necessità assoluta, per tutelare formazione e cultura dal basso, tanto più in un momento di crisi come quello attuale, quando i libri rischiano di apparire un lusso per molte famiglie.

Il consigliere Conte è impietoso nello snocciolare i tagli continui che hanno massacrato le biblioteche in questi anni: “Negli ultimi anni si è passati, dal punto di vista dell’acquisto dei libri, dai 65 mila euro del 2009 ai 54 mila del 2010, fino ai 45 mila di quest’anno. Inutile sottolineare le difficoltà che tali tagli comportano, la difficoltà di mantenere un catalogo aggiornato e di fornire un servizio adeguato”. Tra l’altro la circoscrizione 5 è particolarmente interessata, visto che sul suo  territorio opera la biblioteca rionale di San Fermo.

Cosa è accaduto su un emendamento di buon senso come questo? Al Consiglio di circoscrizione di ieri sera, su 10 presenti (2 erano assenti) ci sono stati solo 5 voti favorevoli (4 Pd e 1 Movimento Libero). Contrari, invece, i due consiglieri leghisti e i due consiglieri di Forza Italia. Astenuto il presidente Stefania Cipolat (Forza Italia). Il Consiglio comunale dovrà pertanto discutere questo emendamento e votarlo con gli altri.

15 marzo 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi