Volontariato

Siticibo a Varese. Nuovo furgone dalla Provincia

Autorità e volontari davanti al nuovo furgone

Un’iniziativa, Siticibo, che si rinnova ogni anno, con numeri in crescita. E da quest’anno, dopo Busto e Gallarate, arriva anche nel capoluogo e viene sostenuta sia dalla Provincia di Varese, storico partner di Siticibo, sia dal Comune di Varese. Questa mattina, in occasione del nuovo furgone donato da Villa Recalcati alla Fondazione Banco Alimentare, promotore della raccolta di cibo e della sua distribuzione negli enti caritativi.

Il servizio è nato a Milano nel dicembre 2003 con la finalità di recuperare il cibo invenduto da mense aziendali, ospedali, refettori scolastici, hotel, e donarlo ai numerosi enti caritativi che si occupano di offrire pasti ai poveri.

Nel 2010 infatti, grazie a Siticibo, in provincia di Varese sono state raccolte 11.813 porzioni di cibo cucinato, equivalenti a 1.772 chilogrammi, che sommati a 3.661 chili di pane, 4.870 chili di frutta e 106 chili di dessert danno un totale di 10.409 chili di prodotti salvati dalla discarica e recuperati per fini sociali. Il cibo raccolto proviene da 3 mense aziendali, 12 refettori scolastici, mentre gli enti beneficiari sono stati 11. Sono stati 32 i volontari impegnati.

Come ha ricordato l’assessore provinciale all’Ecologia, Luca Marsico, con Siticibo si raggiungono due finalità complementari: “ci avviciniamo all’obiettivo di ridurre la produzione pro-capite dei rifiuti del meno 3%, come stabilito dal Piano provinciale, e intrecciamo questo obiettivo con la finalità sociale molto bella dell’iniziativa”. “Gli utenti sono garantiti – ha continuato Marsico – per quanto riguarda la qualità del cibo, assolutamente eccellente”.

L’appoggio all’iniziativa da parte del Comune di Varese è stato motivato dall’assessore alle Politiche educative, Patrizia Tomassini, che ha apprezzato Siticibo e ha sottolineato il convolgimento delle scuole varesine.

14 marzo 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi