Varese

Fiaccolata di Casa Pound per ricordare le foibe

La fiaccolata di Casa Pound per le vie del centro

Passa in mezzo al traffico del sabato pomeriggio, la fiaccolata dei ragazzi di Casa Pound, partita dal cantiere di viale Milano. Apre il corteo uno striscione che dice “Io non scordo”, preceduto dalle bandiere d’Italia, Istria, Fiume e Dalmazia. E’ il modo per ricordare le foibe e l’esodo degli italiani in prossimità del Giorno del Ricordo. Guardato a vista dalle Forze dell’ordine, il corteo si snoda silenzioso per le vie del centro e quando arriva in via Moro si contende la stretta strada con i bus che si fermano per un poco e poi riprendono il loro giro.

Arrivati davanti alla chiesetta di San Giuseppe, un minuto di silenzio in memoria delle vittime delle foibe. Un tema che già l’anno scorso fece registrare un’iniziativa da parte di Casa Pound, che depose rose sotto le targhe delle strade che si riferivano ai luoghi che videro l’esodo degli italiani d’Istria. Era girata anche voce che sarebbe arrivato l’onorevole Roberto Fiore, esponente di Forza Nuova, che invece non si è visto.

13 febbraio 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

4 commenti a “Fiaccolata di Casa Pound per ricordare le foibe

  1. Mattia il 13 febbraio 2011, ore 19:28

    Scusate, ma cosa centra Fiore con una fiaccolata organizzata da CasaPound?
    Dovevate per forza occupare mezza pagina ed eravate a corto di idee?

  2. fabio il 14 febbraio 2011, ore 10:41

    Scusate, va bene infangare sempre comunque a priori, ma fiore dov’era? cosa c’entra con CP?

  3. Forza Nuova Varese il 15 ottobre 2011, ore 13:22

    Ci siamo posti anche noi la medesima domanda anche perchè non ci è venuto nemmeno a fare un salutino.

  4. Grinch il 28 ottobre 2011, ore 00:48

    Ricordare le Foibe è senz’altro giusto, ma non dimentichiamo cosa è successo prima, ovvero cosa ha combinato il fascismo in Jugoslavia e quanti massacri ci sono stati. Diciamola tutta, è meglio.

Rispondi