Varese

Debutta Sarah Nidoli, neo-assessore Pdl “col frustino”

Sarah Nidoli, neo-assessore allo Sport ed Eventi

Senza se e senza ma, ecco questa mattina la firma, da parte del sindaco Fontana, sulla nomina del nuovo assessore Pdl, Sarah Nidoli, che oggi ha partecipato alla prima giunta. Titolo della delega del neo-assessore: “Sport e manifestazioni di rilievo nazionale ed internazionale”. Per riassumere la faccenda in politichese, il finiano Giordano è stato “defenestrato” dalla giunta Fontana, il vicesindaco Pdl (componente laica) si è accollato la delega al Commercio, e ha passato la delega allo sport al nuovo assessore Nidoli, sempre Pdl laico. Certamente, una cosa di questo genere, molto politichese, sarà di difficile comprensione alla gente normale. Tanto più che siamo a poche settimane dalle elezioni.

Al di là di ciò, l’assessore Nidoli, uscita dalla sua prima giunta, si è fermata con i giornalisti pet scambiare alcune battute e fare qualche foto di rito. Abbiamo intervistato il nuovo assessore varesino.

Come è andata la prima giunta?

Bene, direi. Ero un po’ emozionata. Anche se sono abituata a partecipare a Consigli d’amministrazione. Spero vivamente di potere interagire con gli altri assessori portando nuove idee e nuovi progetti. Anche se questa mattina ho dichiarato che partecipo alle riunioni con la bacchetta magica. Piuttosto con il frustino…

Il frustino?

Sì, nel senso che è risaputo come io ho sempre avuto molti rapporti con il mondo dello sport. In particolare sono vicina al mondo ippico. In questo senso porto il frustino. E non la bacchetta magica, nel senso che mi impegnerò molto, ma non posso fare miracoli.

Molti pensano che è difficile da capire una nomina a pochissimo tempo dalle elezioni. Cosa ne pensa?  

E’ vero, c’è pochissimo tempo a disposizione. Ma la mia nomina non lede né l’immagine del mio partito (il Pdl, ndr.), né quella dei vertici del mio partito. Piuttosto la mia entrata nella squadra ha il senso di volere lanciare un segnale della presenza del Pdl.

Lei ritiene di meritarsi questa delega?

Io sono una persona con i piedi per terra. E voglio che sia chiaro che sono qui per le mie capacità. E poi perchè io sono io.

Veniamo all’anniversario del 150° anniversario dell’Unità d’Italia. Un evento di cui lei si dovrà occupare in una giunta a guida leghista, un partito che non si è mai mostrato entusiasta dell’avvenimento. Pensa che sarà una strada in salita?

Non credo di avere nemici dentro la giunta e dentro la maggioranza. Certo, non mancheranno discussioni, ma sono certa che poi si arriverà a buone soluzioni.

8 febbraio 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Debutta Sarah Nidoli, neo-assessore Pdl “col frustino”

  1. DOMENICO il 8 giugno 2011, ore 07:58

    UN ASSESSORATO INUTILE CHE SERVE SOLO AD OCCUPARE UNA POLTRONA.
    COMPLIMENTI AL FEDERALISMO DELLA LEGA ,CHE IN QUESTO CASO AUMENTA SOLO I COSTI PER I CITTADINI.

Rispondi