Varese

La rotonda di Belforte resta provvisoria dopo 6 anni

Una vicenda che si trascina da anni, senza mai giungere al termine, lasciando nel limbo un cantiere che da tempo avrebbe dovuto già essere terminato. Ora la vicenda torna a fare parlare di sè: si tratta della rotonda considerata “provvisoria” che è stata realizzata, sei anni fa, in viale Belforte, all’altezza dell’ex Calzaturificio Di Varese. Quella rotonda è restata provvisoria e i divisori sono restati in plastica.

Ma gli impegni della società privata che doveva realizzare, nel comparto della ex Di Varese, un centro di distribuzione destinato al settore terziario e a laboratori artigianali, erano ben altri. Come ricorda il consigliere Pd, Fabrizio Mirabelli, “la trasformazione della rotatoria provvisoria in una rotatoria definitiva e la sistemazione della strada, così come, in verità, la creazione di un piccolo parco e la costruzione di una piattaforma dei servizi rappresentano gli oneri di urbanizzazione che quella società privata avrebbe dovuto versare nelle casse comunali”. Come nota il consigliere, ”naturalmente, le opere di interesse pubblico avrebbero dovuto avere la precedenza rispetto all’apertura delle attività commerciali, alcune delle quali, invece, hanno già aperto i battenti”.

Molti gli interrogativi posti da Mirabelli: cosa mai impedisce al Comune di Varese di costringere la società privata in questione ad adempiere, finalmente, agli accordi che ha liberamente sottoscritto? Che percorso sta seguendo l’Amministrazione per fare eventualmente ricorso contro questo comportamento anomalo? Perché, in particolare, la realizzazione della rotatoria definitiva e la sistemazione della strada non sono mai avvenuti? Una situazione incomprensibile e, nello stesso tempo, come il consigliere Pd, ”una imbarazzante impasse”.

7 febbraio 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi