Roma

Federalismo, bocciato in bicamerale. Bossi: no elezioni

Bocciato in Commissione bicamerale per il federalismo il parere di maggioranza al decreto sul fisco municipale. Il parere positivo del presidente Enrico La Loggia ha avuto 15 voti favorevoli e 15 voti contrari, e dunque è stato bocciato. Anche il senatore finiano Mario Baldassarri ha dunque votato contro il parere, insieme ai 10 membri Pd, al membro dell’Idv e agli altri tre esponenti del terzo polo. A favore, invece, i commissari Pdl, Lega e la senatrice Svp Helga Taller.
Che accadrà ora? Il leader della Lega Nord e ministro Umberto Bossi ha detto di non “credere di dover andare a elezioni”. Nonostante la bocciatura, Bossi all’uscita dal vertice con Berlusconi a Palazzo Grazioli ha detto “non penso che si andrà al voto. Berlusconi vuole vedere come andranno le votazioni in aula, è di lì che dobbiamo passare”. Opposizioni all’attacco. ”La maggioranza è stata bocciata e ritengo che il governo adesso debba togliere il disturbo”, commenta il fatto il capogruppo dei senatori dell’Idv, Felice Belisario. “Il governo è scivolato sull’unica riforma che doveva fare – ha aggiunto Belisario – e che non è stato capace di fare. Noi lo abbiamo messo in minoranza”. 
Il governo Berlusconi non può più andare avanti con la sua proposta di federalismo per il Pd e anzi, secondo Idv, il Premier Silvio Berlusconi deve dimettersi. Al termine del voto anche il senatore Pd Walter Vitali ha commentano la bocciatura al decreto sul federalismo fiscale: “Il governo deve fermarsi, deve evitare di procedere in modo insensato”. E Francesco Boccia, Pd, ha dichiarato: ”Prendano atto che non c’è più la maggioranza. La Lega sa che se vuole approvare il federalismo fiscale c’è un solo modo: discutere con le opposizioni”. No comment dal superministrio dell’Economia Tremonti.

3 febbraio 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Federalismo, bocciato in bicamerale. Bossi: no elezioni

  1. sempronio il 4 febbraio 2011, ore 10:09

    fonte ansa 04 febbraio, 09:36

    Stop in Commissione, Governo vara decreto
    Bersani: ‘Colpo di mano inaudito’. Bossi: ‘Manteniamo le promesse’. Berlusconi: ‘Patto con Lega è saldo’. Ora decide il Colle.

    Dopo la parità che in Bicameralina ha bloccato il provvedimento sul fisco municipale, il governo riunisce un Cdm straordinario e vara lo stesso il decreto.

Rispondi