Varese

Stangata-trasporto pubblico. Più del 10% d’aumento

Dopo la finanziaria Tremonti, tutti “adeguano” e “si adeguano”. Nessuno cambia, smussa, modifica, trova formule che frenino gli aumenti. Ci troviamo di fronte a quella che, forse, può essere considerata la prima prova tecnica di federalismo. Con il risultato che, sul fronte del trasporto locale, si produce un grave ingiustizia, dato che gli aumenti sono uguali per tutti, gli abbienti e chi non ce la fa ad arrivare all’ultima settimana del mese. Così, prima la Regione e poi il Comune di Varese, accendono il semaforo verde ad una vera e propria stangata, non mostrando alcuna capacità di svolgere un ruolo attivo a tutela dei cittadini, soprattutto di quelli che fanno parte delle fasce più deboli.

Da domani, martedì 1 febbraio, il Comune di Varese procede all’adeguamento delle tariffe del trasporto pubblico locale. Contemporaneamente il gestore del servizio ha dichiarato la propria disponibilità all’introduzione, sempre da domani, dei nuovi titoli di viaggio. Un’impressionante stangata che da domani si abbatterà sui varesini. Ma guardiamo gli aumenti vertiginosi, che sono un vero colpo nei confronti degli utenti, tra l’altro incentivano l’utilizzo dei mezzi privati, e non, come dovrebbe accadere in questo momento di inquinamento alle stelle, dei bus in città.

Il biglietto ordinario per 1 corsa di 75 minuti va da 1,05 ad 1,20 euro. Il carnet da 10 biglietti, con biglietti che, ognuno, vale una corsa, da 9,85 schizza a 10,85 euro. E poi: l’abbonamento settimanale senza limitazioni da 8,10 a 8,90, l’abbonamento mensile da 29,50 a 32,50, l’abbonamento annuale da 283 euro a 312,50.

Ancora: l’abbonamento mensile feriale va da 25,50 a 28 euro, l’abbonamento mensile studenti da 22,50 a 25 euro. L’abbonamento annuale studenti da 172,00 a 189,50, l’abbonamento mensile per la scuola dell’obbligo da 18,00 a 19,50. L’abbonamento mensile dal giorno 15 del mese corrente al giorno 14 del mese successivo da 29,50 arriva a 32,50. L’abbonamento mensile feriale dal giorno 15 del mese  corrente al giorno 14 del mese successivo passa da 25,50 a 28 euro, l’abbonamento mensile studenti dal giorno 15 del mese corrente al giorno 14 del mese successivo va da 22,50 a 25 euro, l’abbonamento mensile per la scuola dell’obbligo dal giorno 15 del mese corrente al giorno 14 del mese successivo passa da 18 a 19,50 euro.

31 gennaio 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Stangata-trasporto pubblico. Più del 10% d’aumento

  1. Daniele il 1 febbraio 2011, ore 09:55

    Come sempre, sono i cittadini a pagare il conto: le manovre e le aspettative federaliste non ci portano né ci porteranno alcun vantaggio, anzi, il carico sulle nostre spalle sarà ancora più difficle da portare. E quando impareremo a giudicare ed a votare di conseguenza, regalandoci un po’ di sana alternanza, forse anche i nostri politici impareranno che la loro cadrega non è garantita e che il loro dovere non è quello di cercarsi una nuova poltrona quando la vecchia viene loro tolta, bensì lavorare per il bene della comunità, partendo dai cittadini più deboli e disagiati!

Rispondi