Varese

A Varese un Giorno della memoria e due cartelloni

L'assessore Brianza presenta il cartellone della Provincia

Sempre di più il “Giorno della memoria”, che cade il 27 gennaio di ogni anno, e che vuole ricordare i sei milioni di ebrei massacrati dalla follia nazista, vede Varese attenta e ricca di manifestazioni. E’ sufficiente guardare alle iniziative promosse su tutto il territorio provinciale, per rendersene conto. Associazioni, Comuni, parrocchie, scuole, tanti si sono mobilitati per celebrare questo giorno che non deve mai passare in secondo piano. Tante iniziative anche nel capoluogo, dove però si assiste al fatto che sul Giorno della memoria, e sostanzialmente negli stessi giorni, sono stati organizzati ben due cartelloni. Perchè? Non è chiaro. Ma non sarebbe stata davvero una cattiva idea che, in una sola città, ci fosse stato un solo cartellone per un appuntamento che merita un maggiore spirito ecumenico.

Un cartellone di eventi è stato presentato questa mattina a Villa Recalcati, promosso dalla stessa Provincia di Varese. E, come dice il manifesto con le iniziative, con il contributo di Regione Lombardia e il patrocinio di Prefettura, Ufficio Scolastico provinciale, Comune di Varese ed Anpi. Un cartellone, come ha sottolineato l’assessore alla Cultura della Provincia, la leghista Francesca Brianza, “che si rivolge alle scuole medie, inferiori e superiori, nella linea di una politica culturale che abbiamo sempre seguito”. Mercoledì 26 gennaio, alle ore 9, al Cinema Teatro Nuovo di Varese, “Gli artigli della memoria”, spettacolo per le medie superiori di e con Betty Colombo. Sempre per le medie superiori, il giorno dopo, ancora al Nuovo di Varese, alle ore 9, lo spettacolo “Shabbes Goy. I gentili del sabato”, proposto da Teatro Blu di Silvia Priori, e contemporaneamente, ma al Cinema Teatro Vela, alle ore 9.30, il film di Louis Malle “Arrivederci ragazzi”. A conclusione del ciclo di iniziative promosse da Villa Recalcati, venerdì 28 gennaio, a partire dalle ore 9, nel Salone Estense del Comune di Varese, consegna da parte del Prefetto Vicari delle medaglie d’onore agli italiani, militari e civili, deportati ed internati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto e ai famigliari dei deceduti.

Un cartellone che, però, non è l’unico a Varese. Ce n’è un altro, promosso da un cartello di associazioni: se si eccettua la presenza dell’Anpi (e alcune collaborazioni del Comune), nel secondo cartellone appaiono sigle del tutto diverse, che fanno riferimento al mondo dell’associazionismo, Arci, Filmstudio 90, Coop Belforte, CoopUf, Associazione Arcobalengo, Associazione L’Albero di Antonia, Amnesty International. Sì, anche la prestigiosa presenza di Amnesty International. In questo secondo caso, domani martedì 25 gennaio, alle 21, a Filmstudio 90 presso la CoopUf di via De Cristoforis, si potrà assistere al film “Paragraph 175” di R. Epstein e J. Friedman, sugli omosessuali perseguitati dal nazismo (ingresso libero). Giovedì 27 gennaio, alle 21, presso il Cinema Teatro Nuovo, in via dei Mille 39, spettacolo teatrale di grande forza proposto da Teatro Blu, “Shabbes Goy”, sabato 29 gennaio, alle ore 17.30, sempre a Filmstudio ’90, il ricercatore Franco Giannantoni ricostruirà la Shoah a Varese e provincia dal ’43 al ’45, e  ricorderà Calogero Marrone. A seguire proiezione del film “Il cielo cade” di Andrea e Antonio Frazzi (ingresso con offerta libera). Il giorno dopo, domenica 30 gennaio, alle ore 10, saranno deposti fiori sulla stele Perlasca presso  il Giardino dei Giusti di Viale Aguggiari, in collaborazione con la Circoscrizione 3 e l’Associazione Amici di Israele, e sulla targa intitolata a Marrone nei giardinetti dell’area Cagna a Biumo Inferiore, in collaborazione con la Circoscrizione 1. Dal 26 al 30 gennaio, sotto i portici del Comune di Varese, mostra dedicata all’Omocausto “Triangoli rosa”.

24 gennaio 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “A Varese un Giorno della memoria e due cartelloni

  1. sempronio il 24 gennaio 2011, ore 16:50

    ma non si son parlati?
    le associazioni e la provincia giovedì 27 gennaio alle 21 saranno nello stesso luogo con la stessa iniaziativa: Cinema Teatro Nuovo “Shabbes Goy”…
    si parleranno in quell’occasione?

Rispondi