Varese

Falò di Sant’Antonio, partito il conto alla rovescia

La statua del Santo della chiesa in piazza Motta

Nonostante un po’ di nebbia che questa mattina era scesa in centro, in piazza della Motta si è lavorato intensamente dalle prime ore per allestire la migliore cornice possibile per la Festa di Sant’Antonio, una delle celebrazioni invernali più popolari nella città giardino. Quest’anno ricca anche di novità, come gli artisti di strada che, al termine del falò, il quale partirà alle 21 di domenica 16 gennaio (ma è necessario arrivare molto prima per vedere bene il falò), intratterranno pubblico e autorità con i loro esercizi.

Nel frattempo, questa mattina, sono già state collocate le transenne a delimitare lo spazio in cui si svolgerà il falò, con avvisi che ricordano gli automobilisti che la sosta è vietata dalle 8 alle 22 di domani sabato 15 gennaio, e dalle 6 alle 22 del 16 e del 17 gennaio. Ma ciò che più colpisce è che con la sabbia, in piazza della Motta, è già stato segnalato lo spazio del falò, che domenica sera sarà attentamente seguito dai Vigili del Fuoco di Varese.

Tutto è quasi pronto. Si sta pulendo il sagrato della chiesa di Sant’Antonio Abate, e sono già state collocate fuori dalla chiesetta i candelieri dove saranno accese tante fiammelle, e certamente anche qualcuna di qualche “ragazza da marito”, secondo la migliore tradizione varesina. Ma a fare la parte del padrone il banco dei Monelli della Motta, in queste ore in fase di allestimento, che elargirà vere prelibatezze, come salamelle e panini e un buon bicchiere di vino.

Insomma, preparativi intensi in vista della grande festa popolare dedicata al Santo, che nessuno vorrebbe perdersi, neppure per tutto l’oro del mondo.

- FOTOGALLERY

14 gennaio 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi