Busto Arsizio

Busto ricorda le tute blu deportate a Mauthausen

Il campo di Mauthausen oggi

Si dimentica spesso che anche i lavoratori e le organizzazioni sindacali hanno contribuito in maniera determinante alla liberazione dal nazifascismo, spesso pagando un duro prezzo per la scelta di opporsi agli occupanti tedeschi e ai loro solerti collaboratori italiani. Un indimenticabile episodio di resistenza operaia fu senza dubbio quello che riguardò la fabbrica Ercole Comerio, dove si ebbe la deportazione della Commissione Interna nel campo di concentramento di Mauthausen, un campo in cui alcuni sindacalisti morirono.

Come ogni anno le Rappresentanze Sindacali Unitarie della Comerio ricordano a Busto Arsizio l’eroico sacrificio delle tute blu, questa volta a 67 anni dalla deportazione.

Ecco il programma delle manifestazioni:

SABATO 15 GENNAIO 2011,  BUSTO ARSIZIO.

- Ore 16.30. Presso il Parco Comunale “COMERIO” momento di raccoglimento con deposizione delle corone dove sorge la Lapide a ricordo del tragico avvenimento tra le Vie Magenta/ Espinasse.

- Ore 17.00. Presso la Sala Conferenze del Museo del Tessile in Via Volta Commemorazione Civile con i seguenti interventi:

Rappresentante Sindacale R.S.U. ditta Comerio Ercole S.p.A.

Sindaco di Busto arsizio: G.Luigi Farioli

ORATORE UFFICIALE : Prof. Carlo Smuraglia Presidente A.N.P.I. di MILANO.

- Ore 18.30. Santa Messa Solenne, presso la Chiesa Prepositurale di San Michele Arcangelo, in onore dei nostri Martiri.

Durante la S.S. Messa, presenzierà il coro “Monterosa” e verrà esposto il dipinto realizzato dal pittore Carlo Farioli, che ritrae la ricordanza del tragico avvenimento accaduto il 10 gennaio del ’44

- Ore 20.00. Cena conviviale presso il ristorante LA CORNACCHIA E IL MOSTO Via Cadore, 8 Busto Arsizio. (Prenotazione obbligatoria, costo € 30,00 per informazioni e prenotazioni tel. 0331-632678 sig. Tosi G. Carlo)

La manifestazione, effettuata ogni anno con la direzione aziendale, il patrocinio dell’Amministrazione comunale, la collaborazione della locale sede dell’A.N.P.I. e del Raggruppamento Patriottico Divisione “Alfredo Di Dio”, vede la presenza di numerose autorità politiche, civili e militari e rappresenta un rilevante appuntamento, oltre che per la storia della Comerio, anche per l’intera cittadinanza.

11 gennaio 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi