Varese

Nuova ztl a Varese, ci vuole tempo per cambiare

Ha debuttato ieri sera la nuova ztl a Varese, un allargamento della zona pedonale assai controverso, dentro e fuori dal Palazzo. Piuttosto limitata, e di carattere “sperimentale”, come hanno sottolineato gli assessori della partita, la nuova ztl è stata istituita dalle ore 20 di ogni sabato alla mezzanotte della domenica, oltre che nei giorni festivi infrasettimanali.

Una zona a traffico limitato che riguarda via Donizetti, piazza Giovine Italia e via Rossini. Una scelta controversa, che ha conosciuto diversi “stop and go” lungo il suo cammino. Voluta da una parte della giunta, e osteggiata da un’altra, con le associazioni commercianti scese sul piede di guerra. Al suo debutto molti hanno notato che il venir meno del traffico delle auto ha comportato un deserto dal punto di vista dei potenziali clienti. Cancellate le auto dalla zona, insomma, c’è chi lamenta un taglio anche dei pedoni.

Non c’è dubbio, però, che un provvedimento come questo ha bisogno di tempo, come è accaduto ogni volta che un’isola pedonale è stata realizzata. E’ sempre difficile cambiare le abitudini, e soprattutto è necessario che si lancino segnali positivi sulla possibilità di utilizzare meno l’auto anche per fare acquisti.

Tuttavia è probabile che questo weekend, ancora troppo vicino alla pausa natalizia, non sia stato un vero banco di prova. E’ necessario attendere una settimana, e allora si potrà capire il vero impatto su questa neonata ztl.

9 gennaio 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi