Varese

Caro comandante, i Vigili del Fuoco aiutino la Befana

E’ giunto in redazione un appello di Emanuela Crivellaro, presidente della Fondazione Ponte del Sorriso, perchè, come ogni anno, i Vigili del Fuoco di Varese diano una mano alla Befana a raggiungere i bambini ricoverati all’ospedale. Un appello al quale aderiamo anche noi:

Carissimo Comandante dei Vigili del Fuoco dr. Vincenzo Lotito,
abbiamo purtroppo ricevuto notizia che quest’anno i Vigili del Fuoco non accompagneranno la Befana dai bambini del Ponte del Sorriso.
Lei è da poco a Varese, e quindi mi permetto di  farle presente che la simpatica vecchina, alla fine del suo giro dai bambini di tutto il mondo, è stanchissima e non ce la  fa più, da sola, a salire fino al quarto piano per incontrare i piccoli della pediatria. Per fortuna i pompieri di Varese lo sanno e, quindi, da tanti anni la cercano. Una volta trovata su qualche tetto, l’aiutano con i loro mezzi  a raggiungere la finestra, dalla quale entra, evitando di fare le scale.

Se quest’anno i Vigili del Fuoco non interverranno,  la Befana non arriverà dai bambini in ospedale, che ci rimarranno molto male, anche perché non avranno la possibilità, come i loro coetanei a casa, di passare un momento di serenità e di allegria.

Ci appelliamo al suo buon cuore di Comandante, ma anche di papà, affinchè provveda a risolvere la situazione che si è venuta a creare e che ha portato a questa triste conseguenza.

Emanuela Crivellaro
Il Ponte del Sorriso Onlus

28 dicembre 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Caro comandante, i Vigili del Fuoco aiutino la Befana

  1. Gianni De Cesare il 28 dicembre 2010, ore 09:49

    E’ senz’altro lodevole l’iniziativa fino ad ora svolta con la collaborazione dei Vigili del Fuoco. Ricordiamoci, però, che questo corpo nazionale è destinato sopratutto alla pubblica incolumità delle persone, e non a dare spettacolo con i mezzi di soccorso, quindi se ha declinato l’invito, per questa volta, non ne farei un dramma.
    Se il Ponte del Sorriso ( ricordiamo che dovrebbe essere una Onlus formata da volontari ) rinuncia a portare la befana in ospedale perchè non c’è l’effetto spettacolare … Bè cari bambini prendetevela con il Ponte del Sorriso.

    A volte il volontariato si fa in silenzio, forse è meglio ricrdarcelo.

    Grazie dello spazio concesso a questa mia.

    Gianni De Cesare

Rispondi