Laveno Mombello

Santo Stefano con il gospel di Tony. A Laveno

In primo piano Tony Washington

L’appuntamento era saltato a causa di neve e pioggia, ma domani 26 dicembre, alle ore 16, in piazza Italia a Laveno Mombello, sarà recuperato il concerto organizzato per il Costa Fiorita Gospel: si esibiranno i Tony Washington Gospel Singers.  Un concerto gospel di caratura internazionale, che viene  promosso dal Comune di Laveno in collaborazione con Varese Convention & Visitors Bureau, e con la direzione artistica del Black & Blue Festival diretto dal bravo Alessandro Zoccarato. Un live eccezionale a ingresso libero per assaporare l’atmosfera del Natale con un concerto di altissimo livello tra musica sacra e sonorità più moderne.

Nell’ambito della musica gospel, vi è uno stile che sta vivendo negli Stati Uniti una diffusione sempre più endemica riconducibile ad un’idea di “Gospel & Rhythm”, svincolata dagli stereotipi classici della musica di testimonianza e culto della cultura afroamericana. Sintesi tra gli inni sacri della tradizione bianca e la matrice ritmica della musica nera dell’Africa, questo stile musicale è attualmente una delle espressioni artistiche più originali e creative del sud degli USA. Si tratta di un movimento vivissimo ed in continua  evoluzione, contaminato dalle tendenze più recenti della Black Music (dal R’n’B al Rap). E i Tony Washington Singers si inseriscono in questa linea di rinnovamento con un repertorio in versione “rhythm”, rinvigorito da una base “funky” aggressiva e coinvolgente.

Il gospel di Tony (cantante dalla voce che fa innamorare) si distingue nettamente da quello tradizionalmente ascoltato, la sua voce sembra librarsi in un canto soulful straordinariamente emozionante e raffinato, al punto da superare in bellezza e seduzione altre forme di canto profano. E tuttavia, il suo ardore è così contagioso da trascinare qualsiasi astante, cultore o curioso ad una spontanea partecipazione, basata esclusivamente sull’amore, la gioia e l’irrefrenabile voglia di liberare il proprio corpo e lo spirito in una danza collettiva. Il gruppo proviene da Charleston (South Carolina) città dove ha sede la chiesa battista “The Abundant Life Tabernacle” dove Tony, voce solista del coro, canta ogni domenica in occasione della messa domenicale. Il gruppo vanta un’intensa attività concertistica negli States, ed in particolare negli stati del sud, dove ormai vengono considerati come un dei “gospel group” più importanti e innovativi della nuova generazione, fatto che ha portato la band ad esibirsi con grande successo ben oltre i tradizionali circuiti della musica gospel.

Nel 1992 arrivano per la prima volta in Europa partecipando con grande successo al rinomato festival “Lugano Blues To Bop” (Svizzera) successivamente turnè in Germania, Francia, Italia dove sono presenti ad importanti manifestazioni. Nel nostro paese sono accolti con grande entusiasmo, ogni loro concerto è affollato da schiere di appassionati che tributano a questo scatenato ensemble calore ed ammirazione. La band propone un concerto che restituisce al meglio il clima vibrante della religiosità nera, con momenti trascinanti quando Tony Washington, già magnetico leader sul palco/altare, scende fra il pubblico a cantare.

La musica che James Brown avrebbe eseguito se non avesse abbandonato in gioventù la congregazione religiosa dove cantava: chi non lo ricorda nei panni dell’illuminato pastore in “The Blues Brothers”?

25 dicembre 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi