Lettere

Possiamo permetterci di più

“Non ci possiamo permettere di più”. E’ questa la dichiarazione, riportata da un noto quotidiono locale, che avrebbe rilasciato il ViceSindaco di Varese riferendosi al fatto che “parecchi varesini o varesotti(ma anche turisti)…non hanno avvertito granchè di particolarmente natalizio” in città…”. “Non ci possiamo permettere di più”, è riferito ai soldi? Mi permetto di consigliare al ViceSindaco

 di questa città, nella quale risiedo dal 1972 e la sento anche mia di spulciare l’elenco delle Associazioni di Volontariato Culturali (e senza scopo di lucro) presenti in città; di far analizzare, da una persona esperta, quali siano quelle più attive,  e appoggiarsi a loro per far creare eventi a favore della città, quasi a costo zero. La prossima volta, in caso di difficoltà e non, il ViceSindaco convochi le Associazioni positive; chieda il loro intervento: riceverà proposte e soluzioni, a dir poco, sbalorditive.

Spero che questa venga letta solo come fatto propositivo e non polemico; non c’è alcuna intenzione sottostante.  Non me ne voglia il ViceSindaco, ma sappoia che, a volte, le parole fanno davvero molto male, possono davvero ferire: più delle armi! Troppo spesso le proposte delle Associazioni veramente presenti sul territorio non vengono prese in considerazione, anzi non vengono neanche ascoltate: perchè? Mistero!

Ho molti esempi da riportare, se a qualcuno interessa conoscerli. Spero solo che, in futuro, ci sia più attenzione alle proposte delle Associazioni che…”fanno”…a prescindere…(come diceva Totò”). Con l’Augurio di un Felice Natale e un meraviglioso Anno Nuovo 2011 per tutta la Redazione e tutti i Lettori.

Ninì Della Misericordia

Ps: Credo nell’associazionismo e mi sento a disagio quando scopro che non ci si accorge del potenziale delle Associazioni Ho scritto questa mia perchè mi sento a disagio, vorrei solo essere costruttivo e non nomino nè propongo alcuna Associazione: vedrete, utilizzando le Associazion vanno utilizzate  quelle che “fanno”, e tutto andrà bene.

22 dicembre 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi