Varese

Il caso Aspem reti divide la giunta Fontana

La piscina della Schiranna

Il caso Aspem reti approda in giunta. Dopo le conclusioni della commissione consiliare presieduta dal Pd Emiliano Cacioppo, che sostanzialmente hanno demandato una valutazione della gestione della società comunale al sindaco, la questione della partecipata guidata da Ciro Calemme è entrata nella riunione settimanale della giunta Fontana. Naturalmente non era inscritta nell’ordine del giorno, ma è stata affrontata in giunta cone un fuori sacco. Una questione su cui la giunta deve prendere posizione, considerato il super-bilancio in rosso presentato dalla società che ha gestito per pochi mesi la piscina della Schiranna inedebitandosi ancora di più.

Poco è trapelato dalla riunione di questa mattina- Su Aspem reti ci sono differenze di vedute tra assessori. Da parte del sindaco sarebbe venuta una valutazione prudente circa la gestione e le responsabilità. Con una parte della giunta, la parte laica del Pdl, più fredda su eventuali misure da prendere per sanzionare la gestione della società, e una parte più decisa a fare luce.

E’ il caso dell’assessore all’Urbanistica Fabio Binelli, che ricorda: “Sono stato l’unico, nel 2009, a votare contro il piano industriale presentato da Asepm reti”. Il giudizio di Binelli è diretto: “Mi pare davvero inopportuna una gestione come questa, del tutto in contrasto con una certa frugalità che tutto il Comune si è imposto”. Quanto agli scarsi controlli da parte del Comune sulle scelte fatte dalla società presieduta da Calemme, l’assessore leghista risponde: “Il Comune non può controllare fatture e conti di una società partecipata, è compito del cda e del collegio sindacale. Il Comune come socio ha il diritto di essere informato sull’andamento dell’azienda, ma spesso le informazioni ci arrivavano in ritardo e lacunose”.

In giunta, dunque, si sta valutando il caso Aspem reti, con alcuni partiti, come il Carroccio, più decisi a fare chiarezza. Appoggio totale a questa scelta anche da parte dell’assessore Salvatore Giordano, unico finiano in giunta. “Da parte mia, dò un appoggio totale e incondizionato alla scelta di fare chiarezza. Ora è venuto il momento, considerando che stiamo parlando dei soldi dei cittadini. Dopo che i media hanno dato spazio e visibilità all’intera vicenda, non è più possibile fare finta di nulla”.

21 dicembre 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi