Varese

Pista del ghiaccio, unico San Silvestro a Varese

Al rallenti e con un certo ritardo, sta sorgendo in piazza Repubblica la pista per il pattinaggio sul ghiaccio. E’ il quinto anno che la pista diventa uno dei centri del Natale varesino, ma questa volta lo sarà ancora di più. Sono infatti scarsi gli eventi in programma nel cuore della città e nella piazza proprio attorno alla pista sarà festeggiato il Capodanno, dopo che il Teatro di Varese ha deciso di non proporre alcun evento per la notte di San Silvestro.

Una pista del ghiaccio che era al centro, lo scorso anno, di un’ipotesi di acquisto in cinque anni, grazie al noleggio che consentiva l’ammortamento del costo di acquisto. Un’ipotesi che per il momento è slittata, come spiega Giancarlo Di Ronco, presidente della Pro Loco di Varese. “E’ slittata perchè la pista avrebbe dovuto essere allestita per un paio di mesi in piazza Repubblica e per altri cinque-sei mesi sarebbe diventata la seconda pista, esterna, del Palaghiaccio. Dato che la gestione di quest’ultimo sta per scadere, non si poteva assumere impegni per il futuro”.

Quest’anno la pista del ghiaccio è stata ancora noleggiata senza impegni futuri e il costo dell’operazione si aggira attorno ai 60 mila euro. Di queta cifra, 20 mila euro saranno pagati dal centro commerciale Le Corti, 15 mila verranno dal Distretto del Commercio, mentre il Comune sosterrà una spesa di 8 mila euro per allacciamenti e consumi elettrici e  altri 3 mila per vari eventi, a partire dal Capodanno all’aperto nella Notte di San Silvestro, eventi curati dall’assessorato alla Promozione del territorio del Comune. La cifra restante sarà coperta da altri sponsor e dal noleggio dei pattini.

“Una manifestazione che ha sempre fatto registrare un buon successo di pubblico – continua Di Ronco -, con i 17 mila ingressi il primo anno in piazza Monte Grappa, 9 mila il secondo anno ai Giardini Estensi, 12 mila il terzo anno in Monte Grappa e 8 mila lo scorso anno in  piazza Repubblica. Numerio che, forse, quest’anno saranno inferiori perchè siamo un po’ in ritardo a causa di vento e gelo che hanno bloccato l’arrivo del materiale e l’allestimento nella piazza”.

18 dicembre 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi