Lozza

Pedemontana: nessuna “situazione compromettente”

E’ polemica sulla ruspa in fiamme, che le prime notizie riferivano ad un cantiere targato Pedemontana. Non si fanno attendere i chiarimenti della società chiamata in causa. Una presa di posizione che smentisce le notizie apparse sui media e prende le distanze da “situazioni compromettenti”.

A proposito dell’incendio che, nella serata del 14 dicembre, ha distrutto una ruspa in un cantiere di Lozza, Autostrada Pedemontana Lombarda S.p.A. fa sapere che “il mezzo andato in fiamme non si trovava in un cantiere di Pedemontana bensì nell’area di altra società che non svolge attività né per conto di Apl né per conto di Pedelombarda. Quindi né Apl S.p.A. né Pedelombarda sono in alcun modo e a nessun titolo coinvolti nell’episodio”.

“In un momento come quello attuale, in cui la società è impegnata nella delicata fase dei cantieri per la realizzazione di questa fondamentale opera infrastrutturale, è necessario evitare inutili confusioni – rimarca Salvatore Lombardo, amministratore delegato di  Autostrada Pedemontana Lombarda S.p.A. -.  Stiamo molto attenti, non vogliamo aver nulla a che fare con situazioni compromettenti: Pedemontana non è né coinvolta né abbinata a situazioni compromesse. Pedemontana è un’opera, un servizio di cui il territorio necessita, quindi, stiamo facendo di tutto perché le persone nei cantieri lavorino bene”.

15 dicembre 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi