Varese

A Varese si ricorda il sindaco Vassallo

Angelo Vassallo

Ha scritto Sebastiano Venneri, vicepresidente nazionale di Legambiente, poche settimane dopo l’omicidio di Vassallo: “Angelo era un uomo giusto. Perché un uomo giusto debba diventare un eroe è un problema su cui vale la pena interrogarsi e chiederne ragione a questi anni e questo Paese”.

Si sono trovati in oltre una cinquantina martedì sera all’Aula Magna della scuola Vidoletti per ricordare il sindaco di Pollica, cittadina del Cilento, ucciso a settembre. L’incontro, organizzato da Legambiente Varese e Slow Food in occasione di Terra Madre Day, si è aperto con il video dell’intervista fatta quest’estate dal direttore di Varesenews Giovannelli, uno degli ultimi giornalisti ad averlo incontrato.  

L’evento varesino non si è tradotto solo in una celebrazione formale: tra gli annunci della serata spicca sicuramente quello del dirigente scolastico Antonellis. Sarà infatti dedicato al sindaco campano l’orto che alunni e docenti dell’istituto stanno curando insieme a Slow Food per il progetto sull’educazione alimentare ed ambientale “L’orto in condotta”.

Il legame tra l’associazione di Petrini e il sindaco-pescatore è stato particolarmente sottolineato da Daniela Rubino, portavoce Slow Food Lombardia: “Angelo rappresentava lo spirito dell’associazione, perché amava il territorio e riconosceva nel cibo locale di qualità un fattore identitario e di benessere. Non per niente Pollica era considerata la capitale della Dieta Mediterranea”. Per Rubino la filosofia che lo guidava è quella che alla fine vincerà: “l’Italia è la somma dei Comuni, delle loro bellezze.”

La situazione è difficile ora nel Cilento, l’assenza di una figura carismatica si fa sentire. Sebastiano Venneri lo sa bene e infatti nel suo intervento ha sottolineato che quel territorio non deve essere lasciato solo: “Come cittadini dobbiamo mantenere alta l’attenzione e la sensibilità. Pollica è un esempio di come coniugare tutela del paesaggio e corretta gestione del territorio con politiche per il turismo e interventi innovativi per la qualità della vita.”  

Per questo Legambiente ha sostenuto l’iniziativa “Siamo tutti di Pollica” (http://www.siamotuttidipollica.it/), una comunità online, aperta a tutti, per non disperdere un così prezioso patrimonio di idee e azioni. “Anche perché – ha concluso Venneri – i temi di cui stiamo parlando riguardano tutte le zone d’Italia. Anche Varese.”

15 dicembre 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi