Varese

L’esodo dalla terra d’Istria, dibattito all’Apollonio

Vecchia immagine dell'esodo dei giuliano-dalmati

Come avevamo già annunciato, e sia pure smentiti, martedì 7 e mercoledì 8 dicembre, alle ore 19.45, presso il Teatro Apollonio-Che Banca! di Varese, la Nem  presenta il romanzo giallo “I cento veli” di Massimiliano Comparin e lancia il primo esperimento di “book-sharing”. Alcune copie del romanzo in tiratura limitata e personalizzate con un messaggio al lettore, saranno distribuite nel foyer del teatro. In ciascuna delle due serate si svolgerà un incontro-dibattito tra autorevoli esponenti della cultura sui temi legati al romanzo.

Domani sera martedì 7 dicembre, alle ore 19.45, al Teatro di Varese al secondo appuntamento di presentazione del nuovo romanzo di Comparin, al quale seguirà il primo esperimento di book-sharing, che avverrà poco prima dello spettacolo teatrale “Italiani si nasce e noi lo nacquimo”, con Solenghi e Micheli. Il romanzo è un giallo a sfondo storico che apre per la prima volta la casa editrice al genere giallo e noir, discostandosi così da una tradizione ultra decennale di poesia e saggistica.

L’incontro-dibattito in programma domani sera affronterà il tema La tragedia degli istriani e il loro esodo. “Il Ricordo e la memoria storica: da fatto a cronaca, da cronaca a storia, da storia a mito”. Parteciperanno Sissy Corsi, presidente dell’ANVGD di Varese, Mario Viscovi, esule istriano, past president scuole Faes e fondatore della European Parents’ Association con sede a Bruxelles, Dino Azzalin editore NEM e l’autore. All’incontro interverrà il Sindaco di Varese Attilio Fontana.

L’ultimo incontro di presentazione del romanzo si svolgerà mercoledì 8 dicembre dalle ore 19.45 e il tema sarà “Il Giallo: forma o sostanza?”.
Ne discuteranno l’autore e lo scrittore Silvio Raffo, che presenterà il recente “Eros degli Inganni” (Bietti), un gothic novel di grande atmosfera
e spessore narrativo. Seguirà book-sharing che, terminata questa esperienza varesina, continuerà a Milano, Roma, Trieste e in Istria.

6 dicembre 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi