Varese

A Varese sulla neve d’accordo destra e sinistra

Le strade a Varese, dopo la nevicata che ha interessato tutta la provincia da ieri sera, risultano tutte percorribili e pulite. “La situazione è tranquilla e sotto controllo – spiega l’assessore ai Lavori Pubblici Gladiseo Zagatto -: era stata compiuta già nei giorni scorsi una salatura cospicua delle strade, che quindi risultavano già ben trattate. Ieri sera, dalle ore 20.30 è stato effettuato un altro passaggio, quando la nevicata si stava facendo più consistente. Sono usciti 11 mezzi per la presalatura, cinque comunali e due di Aspem  per la zona centrale e la viabilità principale e quattro privati per le zone di San Fermo, Valle Olona, Biumo Superiore, Capolago e Cartabbia. Le operazioni sono state particolarmente accurate per la zona 4, con salatura a partire dalle otto di ieri sera, al Sacro Monte, Velate, Bregazzana, Fogliaro, Rasa, Campo dei Fiori, Oronco. I mezzi hanno lavorato sino alle 23.30 e poi ancora hanno ripreso ad uscire alle 4 fino alle 9.30: sono stati impegnati tutti e 54 i mezzi a disposizione per salatura e la sabbiatura”.

Onore delle armi all’assessore da uno dei più puntigliosi consiglieri d’opposizione, Fabrizio Mirabelli, del Pd. ”In passato, quando è stato necessario, non ho esitato a criticare anche aspramente l’operato dell’assessore Zagatto per quanto riguarda la salatura e la pulitura delle strade cittadine in occasione delle nevicate. Oggi mi fa piacere, invece, sottolineare – continua il Pd Mirabelli – come le strade cittadine risultino pulite e percorribili. Un ringraziamento particolare deve essere rivolto ai dirigenti e agli operai del Comune che hanno lavorato tutta la notte perché la situazione, nei limiti del possibile, potesse rimanere sotto controllo. Il risultato positivo di oggi è la dimostrazione che, con un po’ di buona volontà, anche quando le condizioni meteorologiche sono avverse, si possono evitare grossi disagi ai cittadini”.

Conclude il consigliere Mirabelli: “Visto che, nei prossimi giorni, sembra che le temperature siano destinate ad abbassarsi di parecchi gradi, invito il Comune a non abbassare la guardia affinché, dopo la neve, venga sconfitto anche il rischio ghiaccio”.

1 dicembre 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi