Volontariato

Giornata Colletta Alimentare, Varese da record

Anche quest’anno puntuale arriva la 14° edizione della “Giornata Nazionale della Colletta Alimentare”: sabato 27 novembre 2010 chi fa la spesa potrà donarne una parte alle persone che si trovano in stato di difficoltà. Più di 110.000 volontari della Rete Banco Alimentare, in Regione Lombardia, inviteranno le persone a donare alimenti a lunga conservazione che verranno poi distribuiti a oltre 8.000 strutture caritative (mense per i poveri, comunità per minori, centri di accoglienza, …) convenzionate, portando aiuto a 1.500.000 persone che si trovano in stato di bisogno.

Anche la 14° edizione dell’iniziativa, promossa dalla “Fondazione Banco Alimentare Onlus” in collaborazione con l’Associazione Nazionale Alpini e la Società San Vincenzo de Paoli, gode dell’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica e del patrocinio del Segretariato Sociale Rai, oltre che del sostegno e patrocinio di molti altri sponsor privati e istituzionali.

La Provincia di Varese ha deciso, come ormai da molti anni, di sostenere concretamente questa iniziativa, oltre che concedendo il patrocinio, devolvendo un contributo a favore di queste significative realtà del non profit il cui motto è “condividere il bisogno per condividere il senso della vita” e che operano tutti i giorni anche sul nostro territorio raccogliendo alimenti per combattere lo spreco e per aiutare le persone e le famiglie in difficoltà.

“E’ un’iniziativa da sostenere con convinzione – ha dichiarato il Presidente della Provincia di Varese Dario Galli – E i numeri delle precedenti Giornate confermano che il nostro territorio può vantare una ricchezza dal punto di vista umano e solidale pari a quella riconosciutaci sotto l’aspetto imprenditoriale”

L’impatto di questa particolare forma di solidarietà, anche sul territorio varesino, è molto significativo: basti pensare che, durante l’edizione 2009 della Giornata della Colletta Alimentare in provincia di Varese, sono state raccolte circa 280 tonnellate di derrate alimentari che hanno consentito a 110 enti, quali ad esempio mense per i poveri, centri di accoglienza, comunità per minori e ragazze madri, per portatori di handicap, ecc., di dare un sostegno concreto a 3.500 persone.

“Anche in provincia di Varese, purtroppo, si manifestano in modo consistente fenomeni legati alle cosiddette “nuove povertà”. A volte la causa è identificabile in un evento imprevisto, come la perdita del posto di lavoro o una malattia, ma sempre più spesso le famiglie o le persone che percepiscono pensioni basse faticano a fare la spesa quotidiana – ha commentato l’Assessore provinciale alle Politiche Sociali, Christian Campiotti – La Giornata Nazionale della Colletta Alimentare è quindi un momento importante per sostenere le attività delle

Associazioni non profit che, anche sul nostro territorio, operano quotidianamente per raccogliere le eccedenze della filiera agro-alimentare, che altrimenti verrebbero sprecate, per destinarle alle persone che vivono un momento, magari temporaneo, di difficoltà. Per queste motivazioni invito tutti, sabato 27 novembre, a fare la spesa della solidarietà perché la condivisione dei bisogni delle persone in difficoltà, che ci vivono accanto, passa attraverso gesti piccoli e alla portata di ognuno”.

L’alta valenza sociale dell’iniziativa è data, oltre che dalle quantità raccolte e donate, anche dal notevole numero di volontari coinvolti, circa 1.100 tra cui molti giovani, che sabato 27 novembre si alterneranno all’ingresso dei diversi supermercati varesini che aderiscono all’iniziativa (si veda elenco aggiornato dei supermercati sul sito www.bancoalimentare.it) sia per invitare a donare derrate alimentari non deperibili che per spiegare cosa sono i Banchi alimentari e come operano.

25 novembre 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi