Varese

Ztl a Varese, l’assessore finiano Giordano in difficoltà

Sta diventando un problema la ztl da applicare a piazza Giovine Italia a Varese. Una zona a traffico limitato che nel fine settimana bloccherebbe il traffico veicolare e allargherebbe la zona pedonale in centro città.  Portato avanti dal Distretto del commercio di Varese, presieduto dall’assessore al Commercio, Salvatore Giordano, unico finiano della giunta Fontana, strada facendo il progetto sembra sgretolarsi e incespicare. “No, nessun problema – dice l’assessore Giordano -: il progetto è già stato approvato dalla giunta nel pacchetto proposto dal Distretto e dunque è solo questione di tempo”.  Ora si è in attesa di una parere richiesto alla Polizia locale circa le modalità concrete di applicazione.  “Si farà la ztl in quella zona, anche la Lega è favorevole…”. E i commercianti? “Certo, si farà, sempre che qualcuno non cambi idea”.

Uno scoglio di non poco conto. Sulla questione della ztl,  che in effetti è compresa nel programma del Distretto del commercio, era stato acquisito il consenso delle associazioni di categoria. Ma recentemente il fiduciario Ascom di Varese, Marco Parravicini, ha esposto un punto di vista che ha rimesso in discussione il precedente semaforo verde. Dunque, i commercianti non sosterrebbero più questa soluzione. “Io continuo per la mia strada – risponde l’assessore Giordano – e ho pure ricevuto il consenso dall’associazione Amici della Terra presieduta da Arturo Bortoluzzi”.

La ztl per il centro di Varese appare ancora in forse. Tanto più a sentire le valutazioni del vicesindaco Pdl, Giorgio De Wolf. “E’ vero che il progetto ztl è all’interno del programma del  Distretto del commercio, ma non è ancora passata in giunta una delibera che la concretizzi. Nella scorsa seduta si è rinviata tale delibera in attesa del parere della Polizia locale”. Nulla è ancora definitivo. Anzi. Il vicesindaco confessa il suo stupore di fronte alla marcia indietro da parte dei commercianti. “Nella prossima giunta chiederò maggiori informazioni, dato che davo per scontato che il progetto avesse già incassato il consenso delle associazioni di categoria, essendo stato proposto dal Distretto del commercio”. Chiarimenti, confronti, precisazioni, la ztl messa sotto processo. O, forse, più che la ztl, l’assessore Giordano che la sostiene. E non si può escludere che la scelta di “fare fuori” l’unico assessore finiano dalla  giunta da parte del Pdl passi proprio da una ztl ancora in alto mare.

23 novembre 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi