Varese

Ospedale Bambino, corsa contro il tempo del Comune

L'Ospedale del Ponte di Varese

Corsa contro il tempo, da parte del Comune di Varese, per garantirsi i finanziamenti del Pirellone rispetto al nuovo Opedale del Bambino. Esattamente un mese fa, il consigliere regionale del Pd, Alessandro Alfieri, aveva lanciato l’allarme: attenzione, aveva detto Alfieri, se il Comune non approva rapidamente la variante in deeroga per realizzare il secondo lotto di lavori all’Ospedale del Ponte, corre il rischio di perdere finanziamenti statali per circa 20 milioni di euro. Dopo un mese, la faccenda ha subìto una brusca accelerata. E venerdì la variante è andata in Commissione Urbanistica, questa mattina in una giunta straordinaria con il solo punto all’ordine del giorno e per questa sera è stata convocata una seduta urgente, sempre con il solo punto della variante all’ordine del giorno.

La variante è indispensabile per mandare avanti il progetto. E mercoledì è già convocato il tavolo al Pirellone al quale il Comune deve arrivare con l’ok del Consiglio comunale. Si tratta, secondo quanto previsto per il secondo lotto, di demolire il padiglione “Vedani” e di realizzare al suo posto una nuova costruzione con due piani seminterrati e cinque piani fuori terra. Al termine dei lavori, la superficie aumenterebbe del 20%, raggiungendo quota oltre 17 mila metri quadrati.

In Commissione la variante è passata con il voto favorevole della maggioranza e l’astensione delle opposizioni. Dopo il rapido passaggio in giunta questa mattina, in Consiglio non è facile prevedere cosa accadrà. Gli ottimisti dicono che la strada è in discesa, ma non tutti, tra i consiglieri comunali, sono di questa opinione.

8 novembre 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi