Luvinate

A Luvinate si brinda con l’acqua. E si denuncia

Da sinistra, Malnati e Boriani

Una denuncia-querela nei confronti dell’ignoto o degli ignoti soggetti che hanno determinato l’inquinamento da idrocarburi della sorgente di proprietà del Comune di Luvinate. E’ quanto il Sindaco di Luvinate Silvano Calderato presenterà nel primo pomeriggio alle autorità competenti al fine di sostenere le indagini e così porsi in difesa del bene pubblico dell’acqua e a fianco dei cittadini di Luvinate e del territorio che hanno subito in questi giorni disagio ed ansia per l’episodio di inquinamento.

“Mentre i tecnici di Aspem stanno con grande responsabilità verificando la qualità dell’acqua e il territorio circostante il pozzo, riteniamo doveroso anche come Amministrazione locale segnalare alle autorità competenti quanto successo. L’acqua che sgorga dal nostro territorio –ha sottolineato il Sindaco Calderato- è un bene assolutamente prezioso per il quale occorre massimo rispetto e vigilanza”.

Intanto presso il Palazzo comunale questa mattina il Presidente Aspem di Varese William Malnati e l’assessore alle politiche sociali Alessandro Boriani all’interno della rassegna dei “Sabati della Salute” hanno bevuto di fronte ai cittadini un bel bicchiere d’acqua di rubinetto come dimostrazione di assoluta bontà e potabilità, dopo aver approfondito i termini della vicenda che hanno portato in apprensione le comunità del territorio ed aver illustrato le azioni di bonifica e di pulizia degli ultimi giorni.

“L’acqua che esce dai rubinetti è assolutamente pulita e da bere. Dunque –ha sottolineato Boriani- non serve comprare alcun apparecchio come proposto da alcune aziende che, in modo molto solerte, stanno telefonando a casa della gente”.

“Da parte di Aspem prosegue il lavoro da una parte per portare alla normalità la situazione dei pozzi di Luvinate e dall’altra per individuare le possibili cause dell’inquinamento, grazie anche al supporto della Polizia Locale di Luvinate e Barasso” ha concluso William Malnati, Presidente di Aspem.

7 novembre 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi