Varese

A Varese “Inferno”, meno colossal, con più eros

La presentazione della pellicola a Palazzo Estense

Sarà interessante rivedere, dopo tanti anni, “Inferno”, colossal del cinema muto italiano, pellicola del 1908 ispirata all’opera di Dante, prodotta dalla Helios Film di Velletri, e diretta da Giouseppe Berardi e Arturo Busnengo. Per la prima volta vengono utilizzati gli effetti speciali in chiave moderna. Il film venne prodotto dalla piccola casa di produzione Helios Film in tutta fretta per battere sul tempo la produzione colossale della Milano Films di un film analogo, ma di maggiore durata e impegno.

Il film riuscì ad arrivare nelle sale tre mesi prima e sfruttare la grande attesa che nel frattempo si era creata tra il pubblico. Tra l’altro, in questo piccolo film, meno colossale di quello, ispirato alle tavole del Dorè, e firmato da Francesco Bertolini, Giuseppe De Liguoro e Adolfo Padovan, sono più forti i rimandi erotici, come il seno nudo di Francesca.

La pellicola venne proiettata per la prima volta al Teatro Mercadante a Napoli il 10 marzo 1911: la cantica dantesca è ricostruita negli episodi principali; la selva oscura, la visione di Beatrice, la traversata dell’Acheronte, Paolo e Francesca, Minosse, Farinata degli Uberti, gli usurai sotto la pioggia di fuoco, Ulisse, Pier delle Vigne, il Conte Ugolino e Lucifero che sbrana Giuda.

Si credeva che il film fosse definitivamente perso, quando una copia – danneggiata dal tempo – è stata trovata da Bayer nella Biblioteca Cinematografica Vaticana. Cinecittà Digital ha seguito il restauro della pellicola ed è stato prodotto un dvd del film. Il film è stato presentato a Roma con molto successo ed è tuttora richiesto per numerose iniziative cinematografiche e culturali, tra cui la Mostra Cinematografica di Venezia e il MoMA(Museum of Modern Art) di New York. “E’ un onore per il Comune ospitare una serata tanto importante, di livello culturale molto alto – spiega l’assessore alle Politiche Educative Patrizia Tomassini -: i varesini potranno assaporare una vera e propria chicca, un film davvero prezioso”. 

La serata del 12 novembre, ore 21, presso l’ex Cinema Rivoli, si svolgerà con presentazione, proiezione del film (della durata di 20 minuti) e reading dantesco. Con interventi di Diego Pisati, critico cinematografico, autore del libro “Varese-Hollywood”, responsabile delle pagine Cultura e Spettacolo de La Prealpina e,  per il reading dantesco, della Scuola Teatrale “Città di Varese” diretta da Anna Bonomi. Condurrà la serata Fabrizia Buzio Negri.

4 novembre 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “A Varese “Inferno”, meno colossal, con più eros

  1. Tweets that mention A Varese “Inferno”, meno colossal, con più eros – Varese Report -- Topsy.com il 4 novembre 2010, ore 14:25

    [...] This post was mentioned on Twitter by Hideout, Varese Report. Varese Report said: #Varese: A Varese "Inferno", meno colossal, con più eros http://bit.ly/c6fXjs [...]

Rispondi