Varese

Ponte del Sorriso, successo di pubblico al palazzetto

Emanuela Crivellaro sul palco

Grande soddisfazione, quella espressa dagli organizzatori dello spettacolo in favore del Ponte del Sorriso, tenutasi ieri sera al palazzetto. Tanti gli applausi rivolti alla ricca schiera di comici proveniente dalla fortunata trasmissione tv “Colorado Café”, una divertente squadra capitanata da Bruno Arena e Max Cavallari, i Fichi d’India, che tra l’altro hanno proposto la scenetta del pullman in cui sale la bambina che chiede di continuo all’autista, in questo caso, “Ferma al Ponte del Sorriso?”.

Con esilaranti battute e divertenti sketch, i comici hanno intrattenuto un pubblico numeroso, soprattutto composto da famiglie e bambini. “Una serata in cui si respirava un clima di grande vicinanza e sostegno ad un progetto come l’Ospedale materno infantile di Varese – dice Emanuela Crivellaro, presidente del Ponte del Sorriso -, un’opera che ormai appartiene un po’ a tutti i varesini e alla quale i varesini non vogliono mai fare mancare il loro appoggio concreto”.

Una serata che ha visto tanti comici sul palco, che si sono spesi al massimo per fare divertire i partecipanti: oltre ai Fichi, che si sono esibiti e che hanno condotto la serata, sono intervenuti anche Bubby, Ceva, Chef Olivier, Felipe, Max Pieroboni, Principe Cacca, Rocco Anrollo, Pronti e via. Ma la serata del palazzetto è stata premiata anche sul fronte dei numeri: 28 mila euro il ricavato della vendita dei biglietti dello spettacolo, e 2200 le persone presenti allo spettacolo. Non solo: i maestri cioccolatai varesini avevano preparato dei bei mattoncini di cioccolato, messi in vendita al palazzetto a due euro ognuno. Bene, ne sono stati acquistati ben 600.

Ennesima iniziativa targata Ponte del Sorriso che ha incontrato il favore del pubblico e che conferma quanto il progetto del nuovo ospedale sia seguito con interesse e attenzione. “Sì certamente è seguito con attenzione – aggiunge Emanuela Crivellaro -, ma forse anche con un pizzico di affetto”.

- FOTOGALLERY

23 ottobre 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi