Milano

Naziskin celebrano generale SS. Anche varesini

Il manifesto dell'iniziativa pro-Degrelle

Una serata d’onore per Lèon Degrelle, ex generale belga delle SS condannato per crimini di guerra, comandante della famigerata “28a divisione SS Wallonie”, il più famoso volontario straniero delle armate tedesche, che stava nel cuore di Hitler. Una serata in programma proprio la sera del 28 ottobre, anniversario della Marcia su Roma. Accadrà a Milano, dove sarà inaugurata la nuova sede degli Hammerskin, in viale Brianza 20, vicino alla Stazione centrale. L’associazione che ha organizzato l’incontro si chiama Lealtà-Azione, che fa parte degli hammerskin.

Gli Hammer è un movimento di estrema destra, dichiaratamente razzista, che è nato da una costola del Ku Klux Klan e che poi è arrivato in Europa. Alla serata in programma nell’anniversario della Marcia mussoliniana, parteciperanno i militanti lombardi del movimento, che conta simpatizzanti presenti soprattutto tra Milano e Varese, e soprattutto legati alle curve negli stadi.

Forte appello della sinistra milanese e non solo perchè il prefetto fermi la manifestazione, in quanto vewrgognosa apologia degli orrori nazisti. Alla serata parteciperanno, come relatori, lo studioso Luca Gallesi e il giornalista Guido Giraudo.

22 ottobre 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti a “Naziskin celebrano generale SS. Anche varesini

  1. Dagmar Sporck il 22 ottobre 2010, ore 09:21

    V E R G O G N A !!!

  2. Francesco Bossi il 22 ottobre 2010, ore 09:38

    la violenza, il concetto di razza termine di derivazione animale , derivano da una perdita di identità , la formazione del branco genera una identità di gruppo crea una capo ed ancora si presenta la bestialità tipica dei lupi dei leoni . L’uomo regredisce a queste forme inferiori quando non può sviluppare la sua sensibilità la sua individualità . Il fallimento di una educazione scolastica di tipo nozionistico , la presenza di persone incapaci raccomandati all’interno delle istituzioni crea disaagio ,questo ed altri aspetti di questo genere sono il risultato di decenni in cui i giovani non hanno potuto sviluppare le loro attitudini .

  3. Gabriella Mozzati il 22 ottobre 2010, ore 12:05

    anche questa è informazione….la leggo ma dico..fortunatamente c’è gente come me ..che può dire …siete da vomito!!!!!.

Rispondi