Varese

Ponte del Sorriso a rischio. “Il Comune faccia la sua parte”

Il consigliere regionale Pd, Alessandro Alfieri

Il rischio è forte, reale e questa mattina è stato lanciato un allarme altrettanto forte dal consigliere regionale del Pd, il varesino Alessandro Alfieri: il Ponte del Sorriso, il nuovo dipartimento materno-infantile dell’Ospedale del Ponte, rischia di conoscere una brusca frenata. L’opera che tutta la città, cittadini e istituzioni, sta cercando di realizzare, potrebbe essere bloccata.

Quale il rischio? Il rischio sta nel fatto che il secondo lotto dei lavori, quelli che daranno forma ad alcuni tra le principali realizzazioni nel nuovo polo, come le sale operatorie, potrebbe perdere i finanziamenti statali, circa 20 milioni di euro. Questi lavori, infatti, per essere inclusi nel piano dei lavori di edilizia sanitaria della Regione Lombardia, essere insomma cantierizzati, e quindi essere coperti dalle risorse statali, comportano che il Comune di Varese metta subito all’ordine del giorno una deroga al piano regolatore. Se ciò non avvenisse entro fine ottobre, il rischio di perdere i finanziamenti è più che reale.

Alfieri non vuole fare facili allarmismi. Ma alza la voce perchè gli sembra che la faccenda, di cui in Regione si era al corrente dall’estate, venga presa sottogamba da  Palazzo Estense. “Quei finanziamenti possono essere ancora salvati, ma bisogna fare presto e il Comune deve fare la sua parte. Una deroga comporta una serie di passaggi che richiedono tempo: dato che la deroga è già passata in giunta, ora è necessario che passi dal Consiglio di circoscrizione e poi dal Consiglio comunale per il via definitivo”. Una serie di passaggi che, in effetti, è difficile concentrare in un così limitato lasso di tempo.

14 ottobre 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi