Sport

Resettare e ripartire. Le sfide della Cimberio

La nuova Cimberio si presenta ai tifosi

Se l’è vista brutta, negli ultimi tre anni, la Pallacanestro Varese. Lo dice esplicitamente Cecco Vescovi, alla presentazione della nuova squadra, questa mattina, a Villa Recalcati a Varese. Parla di “tormenti e sofferenze”. “Ricordiamoci cosa è successo in questi tre anni”, ammonisce, saggio, il presidente e general manager. Piace la rudezza di Vescovi. Il suo dire “abbiamo un pizzico di presunzione, ma restiamo con i piedi ben piantati per terra”. Ora si cambia pagina. E alla vecchia società subentra un consorzio di imprese. “Una trasformazione decisiva per il futuro della squadra”, dice Cecco.

Grande appuntamento per il lancio, questa mattina, del consorzio che sostiene la nuova avventura della Cimberio. Si chiama “Varese nel cuore” e comprende una trentina di “consorziati”. C’è un po’ di tutto, dall’Antico Borgo di Mustonate al gruppo Castiglioni, dalla farmacia San Serafino di Cuveglio alla Fim Credit, anche se sono le imprese immobiliari a dominare il panorama, con il gruppo Polita, la Candura,  il gruppo Leccese, la Bossi, l’Albini e Castelli. Come dice Michele Lo Nero, vicepresidente della società biancorossa e massima autorità del consorzio, “è nata una famiglia, con persone di valore, un progetto in cui crediamo”. Tra i top sponsor, la Cimberio, Casti Group, Superenalotto, Air One e Macron.

Così blindata e consolidata, ora la squadra dovrà combattere la sua battaglia. Una sfida non semplice, che richiede fatica e continuità. Porta il suo contributo anche il giornalista Gianluigi Paragone, vicedirettore di Rai2, che, se si è ben capito, cura l’immagine della squadra. “Anche in Rai è difficile dare più visibilità al basket rispetto al calcio – dice il giornalista -. Da parte mia cercherò di accendere i riflettori sul palazzetto di Varese, invitando anche personalità di spicco come Simona Ventura”.

A prendere la parola per ultimo il coach Carlo Recalcati, che evoca l’ultima stella conquistata dalla squadra. “Occorre resettare e ripartire” dice l’allenatore. “Cancellare tutto ciò che di negativo è avvenuto e ripartire”. Un’operazione necessaria per lanciare la squadra e farla arrivare in finale. Ne va del futuro della Cimberio e non solo. “Perché quando si parla di Varese – conclude Recalcati -, si parla di basket”. E, dunque, mettetecela tutta.

FOTOGALLERY

6 ottobre 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi