Varese

Rapporto Insubria: male i giovani, bene il Comune

“Varese, come la vedi?” è un’indagine sulla realtà e le tendenze della condizione giovanile a Varese condotta dall’Università dell’Insubria con la somministrazione in città di oltre 3.500 questionari (il campione più ampio per una indagine sulla condizione giovanile in Italia) a giovani tra i 16 e i 30 anni. L’indagine è stata promossa dal Comune di Varese e realizzata dal CreaRes (Centro di ricerca su etica negli affari e responsabilità sociale) del Dipartimento di Economia dell’Università degli Studi dell’Insubria, all’interno del Progetto Mosaico, coordinato dalla Provincia di Varese. Una ricerca che fornisce un’analisi dettagliata su realtà e tendenze dei giovani a Varese: chi sono, cosa fanno, cosa pensano, e soprattutto: come giudicano la città.

La ricerca sui giovani – coordinata da Rossella Locatelli – è ora condensata in un apposito Report, un volume di circa 220 pagine elaborato da Lelio De Michelis docente di Sociologia presso la facoltà di Economia dell’Università dell’Insubria, con la collaborazione di Paola Ossola e Stefano Barbuto. Dall’indagine e dall’analisi dei dati emergono molte sorprese: il voto negativo alla città, il non sentirsi giovani varesini, il giudizio, altrettanto negativo, che i giovani danno di se stessi, ma, tra gli aspetti positivi, è da sottolineare la diffusione del volontariato e dell’associazionismo culturale.

Emergono anche alcune conferme: la predominanza dell’edonismo e del disimpegno, l’indifferenza per la città (pur criticandola), il non sentirsi ascoltati e rappresentati dalle istituzioni, il vivere in modo liquido e precario, con pochi ancoraggi e poche certezze. Si evidenziano anche valenze positive nelle attività dei giovani varesini e numerosi spunti per un miglioramento delle – pur apprezzate dai giovani – attività svolte dal Comune e dalla Provincia nell’ambito delle politiche giovanili.

L’indagine viene offerta come strumento di analisi della realtà e delle possibili tendenze dei giovani di Varese. Ma anche, o soprattutto, come occasione di dibattito pubblico e di riflessione della città su se stessa.

Il report è disponibile anche on line nel sito htpp://www.eco.uninsubria.it/creares/varesecomelavedi.

5 ottobre 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi