Varese

Nuovo incarico per il Comandante Delli Santi

Da sinistra, Galli e Delli Santi

Questa mattina il Presidente della Provincia di Varese Dario Galli ha salutato il colonnello Maurizio Delli Santi, Comandante provinciale dei Carabinieri di Varese dal 6 ottobre 2008, designato responsabile nazionale per l’Arma dei Carabinieri della lotta alle frodi del comparto agro-alimentare con l’incarico di Comandante Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari da cui dipendono i Nuclei Antifrode Carabinieri. Delli Santi assumerà il nuovoi incarico il 12 ottobre a Roma.

“Ringrazio il Comandante provinciale Delli Santi per la grande collaborazione – ha dichiarato il Presidente Galli –. Da un lato sono dispiaciuto di questa sua partenza, ma dall’altro sono contento per l’incarico di grande prestigio che il Colonnello assumerà a Roma. Qui a Varese ha contribuito in maniera determinante a dare alla popolazione anche la sensazione fisica di una costante presenza di presidio del territorio e ci auguriamo che anche il nuovo Comandante sappia raccogliere adeguatamente questa eredità. Il saluto al Comandante Delli Sante è stata anche l’occasione per ringraziare tutte le forze dell’ordine che con grande professionalità operano sul territorio”.

Ha risposto Delli Santi: “Con il Presidente Galli e con l’Ente Provincia abbiamo avuto un rapporto di grande collaborazione, anche recentemente con i Patti per la Sicurezza. Proprio il rapporto con le istituzioni ci ha permesso di operare al meglio e avere con i vertici amministrativi un dialogo e un confronto proficuo. Ringrazio il Presidente Galli per l’attenzione istituzionale che dimostrato nei confronti delle nostre esigenze e dell’Arma, poiché ha contribuito in maniera concreta a garantirci di operare nelle migliori condizioni. In questi anni, infine, abbiamo sempre cercato di costruire un rapporto di fiducia con tutti i cittadini”.

Diverse le operazioni di servizio e gli impegni che in questi due anni sono stati portati a termine dai Carabinieri della Provincia di Varese, tutti caratterizzati dal modello di “Sicurezza integrata” che, anche in attuazione dei Patti per la Sicurezza sottoscritti a Varese proprio nel 2008 ha visto l’Arma dei Carabinieri perseguire oltre l’80% dei reati nella Provincia.

La più significativa azione strategica di contrasto è stata sviluppata nel 2009 allorquando il Comando Provinciale dei Carabinieri di Varese è stato protagonista nel rilanciare l’attenzione investigativa sulle infiltrazioni della criminalità organizzata in Lombardia, disarticolando un’organizzazione riconducibile alla ndrangheta, responsabile di attività estorsive ed usuraie e di altri gravi reati contro la persona ed il patrimonio. Nel 2010 si è passati a colpire anche il patrimonio criminale dell’organizzazione sequestrando beni per oltre 20 milioni di euro. Ma l’azione di contrasto è stata svolta in una più ampia cornice di sicurezza che ha visto l’Arma operare oltre 1400 arresti e individuare 13.600 autori di reato negli ultimi due anni. Incisiva è stata anche l’azione repressiva contro il narcotraffico con oltre 230 spacciatori e trafficanti tratti in arresto e più di 500 Kg di stupefacente sequestrato.

29 settembre 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi