Gerenzano

Sindacato a fianco dei bambini su mensa a Gerenzano

Dura presa di posizione congiunta delle segreterie provinciali di Cgil, Cisl e Uil di Varese, sullo stop alla mensa scolastica per i bambini di genitori morosi decisa dalla giunta leghista di Gerenzano. Dicono le organizzazioni sindacali: “Desta preoccupazione la notizia che a Gerenzano, come già accaduto ad Adro e in qualche altro comune della Lombardia e del Veneto, si possa arrivare a sospendere il servizio mensa per i bambini i cui genitori sono morosi. Nessuno, ovviamente, mette in dubbio il fatto che sia giusto e dovuto pagare la retta della mensa scolastica dei propri figli e che eventuali casi di colpevole insolvenza vadano affrontati per quello che sono. Deve però  essere chiaro a tutti, e in particolare agli Amministratori locali che svolgono un delicato e importante ruolo anche in questa fase di crisi economica, che i bambini, tutti i bambini, devono essere protetti. Protetti e difesi da ogni umiliazione, sempre e comunque!”.

“Non dimentichiamo mai che essi sono il nostro futuro, il futuro di ogni comunità! - continua il commento di Cgil, Cisl e Uil di Varese -. Riteniamo anche che, nei casi in cui vi sia una reale impossibilità a pagare da parte delle famiglie, diventi necessario un intervento delle istituzioni, un intervento che sappia affrontare il problema anche attraverso il coinvolgimento dei servizi sociali. D’altra parte così è sempre stato, quando in gioco vi sono i diritti e gli interessi dei minori. In ogni caso riteniamo che debbano essere coinvolte direttamente le famiglie, attraverso i canali ufficiali di cui dispongono gli enti locali, mai i bambini in modo diretto”. 

Dal sindacato arriva anche un auspicio di buon senso: “Ci auguriamo che il buon senso e la serietà prevalgano e che si evitino scelte che, come già avvenuto per altre questioni, tipo la vicenda del bonus bebè di Tradate, portino a divisioni e discriminazioni dannose per tutte le nostre comunità, sia a livello locale che a livello nazionale”.

21 settembre 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi