Cultura

“Parole nel tempo”, piccoli editori al Castello di Belgioioso

L'editore Manni e Alda Merini nel parco di Belgioioso

Immaginatevi un castello in cui ogni stanza è occupata da libri ed autori che vi si aggirano in carne ed ossa. Un sogno ricorrente per chi ama il libro e le sue pieghe. E non solo per chi lo fa, lo scrive e lo diffonde. Anche per chi lo “fruisce”. Capita. Al Castello di Belgioioso da ben vent’anni capita. Capita di incontrare nel parco e tra gli usci l’amata, ed ormai compianta, Alda Merini, Paolo Volponi, Maria Corti, Guido Davico Bonino, Folco Portinari, Arturo Schwarz, Edoardo Sanguineti e Giuseppe Pontiggia. E tutti questi nomi, che hanno attraversato i vent’anni della mostra, saranno rievocati e celebrati nella mostra a loro dedicata “Scrittori nel tempo”.

E’ un appuntamento irrinunciabile “Parole nel tempo”, il 25 e 26 settembre, presso il Castello di Bedlgioioso, semplicemente perché la piccola e media editoria vi si incontra “occupandone” ogni stanza Licon libri ed autori. La mostra mercato, nata in un isolato castello pavese con il contributo del Comune di Belgioioso, il Patrocinio di Regione Lombardia e Provincia di Pavia, da sempre costituisce un punto di riferimento per l’editoria di qualità: un lento e pacato via vai di lettori e appassionati, che scelgono di venire per rintracciare titoli altrimenti introvabili o per scambiare due chiacchiere con gli editori sul perché di una pubblicazione.

Nomi affermati, ma anche “etichette” emergenti scelgono Belgioioso come luogo di esordio e pregiata vetrina per le novità nazionali. In questa ventesima edizione, si succederanno percorsi libreria, uno spazio dedicato alla narrativa per l’infanzia e l’adolescenza, laboratori creativi e, con ObarraO edizioni e Nasoallinsù viaggi incredibili: i lettori che acquisteranno due libri del catalogo ObarraO avranno la possibilità di ammirare il Castello di Belgioioso e il suo vasto e antico territorio dall’alto con una salita panoramica a bordo della mongolfiera situata nel parco.

Particolarità di questa edizione è il gemellaggio tra “Parole nel Tempo” e la piccola fiera Bazlen di Trieste per mettere a diretto confronto alcune fra le migliori realtà editoriali italiane, in un paese come l’Italia che ha un bisogno disperato di lettori.

E poi eventi collaterali come 40 anni di Stampa Alternativa, Antologia privata, mostra a cura di Gabriele Dadati dedicata a Davide Corona, la mostra fotografica Come si diventa Gianni Brera, libri e dintorni di un grande giornalista e Voci nel Castello, la rassegna che coniuga la diffusione dell’attività artistica dal vivo con la valorizzazione del patrimonio storico-artistico del territorio ed in particolare con il concetto di Ville di Delizia, luoghi di piacevole soggiorno in cui l’aristocrazia milanese nel XVII e XVIII secolo coltivava le arti della musica, del teatro e della poesia.

Non parole al vento, dunque, ma parole nel tempo che per due giorni fanno dell’incontro “umano” e del tempo del libro il valore aggiunto di autori, editori e lettori.

21 settembre 2010 Ombretta Diaferia redazione@varesereport.it
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi