Varese

Per Natale la Città dei Bambini a Villa Mylius

Fontana con il figlio Giovanni e Monica Maimone

Riapre, per poche ore, Villa Mylius, anzi solo una sala della mega-villa che la famiglia Babini Cattaneo donò al Comune di Varese tre anni fa e che da allora è restata in un limbo di incertezza e di progetti più o meno fumosi. Al punto che era pure girata voce che, onde evitare un processo di progressivo e inevitabile degrado, potesse entrare in scena il Fai. Una piccolissima parte della villa, al piano terreno, è stata riaperta per la presentazione dell’evento “La Città dei Bambini” che, dal 17 al 24 dicembre, trasformerà il polmone verde che circonda la villa in un bosco incantato, come quelli che si trovano nelle fiabe. Un progetto curato da Studio Festi e Fondazione Ipazia di Monica Maimone.

A presentare l’iniziativa il sindaco Attilio Fontana e la stessa Maimone. Il Comune è alla ricerca di sponsor per questa iniziativa che, comunque, si farà. Anche se, al momento, con tre soli sostenitori, la manifestazione potrà essere organizzata nei minimi termini. L’appello del Comune è che, ad Aspem, Lindt e Morandi trasporti, si possano aggiungere altri benefattori. E sembra che Ubi Banca, Tigros e Lega Coop siano intenzionate a contribuire all’iniziativa natalizia (la Ubi con una bella cifra). “Le casse del Comune sono vuote – dice Fontana – e dunque cerchiamo altre risorse che possano rendere questa iniziativa dedicata ai bambini più bella e più ricca”.

E Villa Mylius? Fontana assicura che le trattative con il principe degli chef Gualtiero Marchesi stanno andando avanti. Qui potrebbe sorgere una Scuola di alta cucina di grande prestigio. “Ma vado cauto nel dare sicurezze – continua il sindaco – perché è mia intenzione ottenere, oltre alla ristrutturazione dell’edificio, anche la copertura di una gestione di 4-5 anni, l’impegno che certamente richiede più risorse”. E Marchesi che ne dice? “Mi sembra molto determinato a venire a Varese. Con disappunto del sindaco di Monza che già pensava di portare la grande star della cucina italiana nella sua Villa Reale”.

Una manifestazione inedita per Varese che, però, non farà perdere altri pezzi del tradizionale cartellone natalizio in città: il sindaco conferma la pista di pattinaggio sul ghiaccio, le luminarie, e quant’altro. Solo sulla presenza di Eurochocolate restano forti dubbi.

17 settembre 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi